“Servizi Demografici”: novità in materia di matrimoni contratti in Italia da cittadini britannici

“Servizi Demografici”: novità in materia di matrimoni contratti in Italia da cittadini britannici

 

La Direzione centrale per i Servizi Demografici del Ministero dell’Interno ha emanato la Circolare n. 10 del 9 luglio 2015, che introduce delle novità per i matrimoni di cittadini britannici celebrati in Italia. La Direzione ha reso noto che la procedura alternativa alla tradizionale richiesta di nulla osta – che era stata illustrata nella propria Circolare n. 6-2013 – è stata ora estesa anche ai cittadini britannici che intendono sposare in Italia un cittadino irlandese o britannico residente in un Paese terzo.

Ricordiamo che tale procedura, introdotta a partire dal 1° marzo 2013, prevedeva la sostituzione del nulla-osta rilasciato dall’Autorità consolare britannica in Italia con un “certificato di non impedimento”, rilasciato dall’Autorità locale del Paese di provenienza e una “dichiarazione giurata bilingue”, resa dagli interessati presso un Avvocato a un Notaio britannici.

Il “certificato”, apostillato e tradotto, deve essere presentato insieme alla “dichiarazione” (legalizzata) al competente Ufficio di Stato civile.

La procedura non si applica per i cittadini britannici residenti a Jersey, Guernsey e nell’Isola di Man. Per loro, resterà dunque in vigore l’iter del rilascio del nulla osta da parte dell’Autorità consolare britannica.


Related Articles

Vincoli al trattamento economico accessorio: la Corte Veneto delinea il quadro dei casi in cui è prevista una deroga

Nella Delibera n. 425 del 27 luglio 2017 della Corte dei conti Veneto, la questione controversa in esame riguarda i

Riscossione: notifica della cartella di pagamento alle persone giuridiche

Corte di Cassazione, Sentenza n. 19645 del 21 settembre 2020 Nella fattispecie in esame, la Suprema Corte premette che la

Buoni-spesa: l’Anac chiarisce che non è necessario acquisire il Cig

Con la Delibera n. 313 del 9 aprile 2020, preceduta da apposito Comunicato nella stessa data, l’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac)