“Servizi Demografici”: novità in materia di matrimoni contratti in Italia da cittadini britannici

“Servizi Demografici”: novità in materia di matrimoni contratti in Italia da cittadini britannici

 

La Direzione centrale per i Servizi Demografici del Ministero dell’Interno ha emanato la Circolare n. 10 del 9 luglio 2015, che introduce delle novità per i matrimoni di cittadini britannici celebrati in Italia. La Direzione ha reso noto che la procedura alternativa alla tradizionale richiesta di nulla osta – che era stata illustrata nella propria Circolare n. 6-2013 – è stata ora estesa anche ai cittadini britannici che intendono sposare in Italia un cittadino irlandese o britannico residente in un Paese terzo.

Ricordiamo che tale procedura, introdotta a partire dal 1° marzo 2013, prevedeva la sostituzione del nulla-osta rilasciato dall’Autorità consolare britannica in Italia con un “certificato di non impedimento”, rilasciato dall’Autorità locale del Paese di provenienza e una “dichiarazione giurata bilingue”, resa dagli interessati presso un Avvocato a un Notaio britannici.

Il “certificato”, apostillato e tradotto, deve essere presentato insieme alla “dichiarazione” (legalizzata) al competente Ufficio di Stato civile.

La procedura non si applica per i cittadini britannici residenti a Jersey, Guernsey e nell’Isola di Man. Per loro, resterà dunque in vigore l’iter del rilascio del nulla osta da parte dell’Autorità consolare britannica.


Related Articles

Compensi extra per gli Avvocati dipendenti: la Corte Sicilia interviene sull’applicabilità dell’art. 9 del Dl. n. 90/2014

Nella Delibera n. 88 del 29 aprile 2019 della Corte dei conti Sicilia, il Commissario straordinario di un Libero Consorzio

Risorse derivanti dai “Piani triennali di razionalizzazione”: sono escluse dal tetto di spesa per il trattamento accessorio del personale

Nella Delibera n. 136 del 12 settembre 2017 della Corte dei conti Emilia Romagna, viene chiesto un parere riguardante l’ambito

Stima preliminare del Pil: nel primo trimestre 2017 la crescita è stata dello 0,2%

Nel primo trimestre del 2017 il Pil italiano, espresso in valori concatenati con anno di riferimento 2010, corretto per gli