“Servizi di interesse generale”: l’intervento dell’Ente Locale non è giustificato in caso di partecipazione minoritaria

Nella Delibera n. 398 del 21 dicembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Comune chiede un parere sulla possibilità di mantenere la propria partecipazione in una Società che si occupa del “Servizio di teleriscaldamento”.

La Sezione evidenzia quanto stabilito dall’art. 2, comma 1, lett. h) del Dlgs. n. 175/16, il quale definisce “i servizi di interesse generale” come “le attività di produzione e fornitura di beni o servizi che non sarebbero svolte dal mercato senza un intervento pubblico o sarebbero svolte a condizioni differenti in termini di accessibilità fisica ed economica, continuità, non discriminazione,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.