Servizi pubblici: la giurisdizione sulla controversia su una clausola penale tra Comune e Società affidataria è del Giudice ordinario

Servizi pubblici: la giurisdizione sulla controversia su una clausola penale tra Comune e Società affidataria è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 114 del 12 gennaio 2015 del Tar Campania, i Giudici affermano che il rapporto intercorrente tra una Società affidataria della raccolta e del trasporto dei rifiuti urbani ed assimilati, con l’Ente comunale va qualificato come appalto di servizio e non come concessione di pubblico servizio, come del resto confermato dal tenore dell’art. 30, comma 2, del Dl. n. 163/06. Questo rapporto ha fonte negoziale nella stipula di apposito contratto, per cui gli atti adottati dal Comune in materia non presentano carattere autoritativo quando si tratti di rilevazione di fatti costituenti omesso o inesatto adempimento delle prestazioni dovute dall’appaltatore, rispetto alla quale le parti sono poste su un piano paritetico e le rispettive posizioni giuridiche soggettive hanno natura di diritti soggettivi. Quindi, nel caso in esame, la controversia avente ad oggetto la valutazione di una clausola penale e avente funzione di strumento di commisurazione del danno derivante dall’inadempimento, appartiene alla giurisdizione del Giudice ordinario, in quanto inerente appunto ai diritti derivanti dal contratto.


Tags assigned to this article:
Rifiutiservizi pubblici

Related Articles

Oneri contributivi di Assessori comunali lavoratori autonomi: nessun obbligo di versamento per Comuni inferiori a 10.000 abitanti

Nella Delibera n. 23 del 21 febbraio 2019 della Corte dei conti Calabria, un Sindaco ha chiesto un parere in

“Correttivo Tusp”: i Pareri resi dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato e dalla V Commissione Bilancio della Camera

La Commissione Affari Costituzionali del Senato della Repubblica e la V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera dei Deputati

Iva: ribadita la necessaria sussistenza del Principio di detraibilità prospettica, connesso al Principio di neutralità dell’Imposta

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 584 del 14 settembre 2021, ha trattato il tema della spettanza del diritto