“Siope+”: in vigore dal 1° aprile 2018 la nuova versione delle regole tecniche

“Siope+”: in vigore dal 1° aprile 2018 la nuova versione delle regole tecniche

A partire dal 1° aprile 2018 entreranno in vigore le regole tecniche versione 1.2.4 del “Siope+”, che consentono di specificare le fatture anche per i pagamenti di natura non commerciale e per i versamenti Iva.

A renderlo noto è il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con una Nota pubblicata il 6 marzo 2018 sul sito “Piattaforma dei crediti commerciali” (http://crediticommerciali.mef.gov.it/CreditiCommerciali/home.xhtml).

Il Dicastero ha colto l’occasione per raccomandare, al fine della corretta registrazione dei pagamenti nel Sistema “Pcc”, una verifica generale sui mandati già effettuati con particolare riguardo a quelli di natura non commerciale.

Con la medesima Comunicazione è stato inoltre messo in evidenza che, alla voce di menu “Siope+” > “Ricerca mandati/reversali”, è disponibile un’apposita funzione per la ricerca e la visualizzazione dei mandati e delle reversali emesse. Laddove dalla verifica emergesse la necessità di associare le fatture ad Opi di natura non commerciale, occorrerà attendere il 1° aprile per effettuare gli Opi di variazione. Viceversa, è fin da subito possibile effettuare gli Opi di variazione nel caso la natura dell’Opi debba essere variata da “non commerciale” a “commerciale” (con conseguente associazione delle fatture).

Quanto sopra al fine di assicurare la chiusura del ciclo dei pagamenti delle fatture e adempiere agli obblighi relativi alla tracciatura dei debiti commerciali delle Amministrazioni pubbliche effettuata dalla “Piattaforma dei crediti commerciali”.


Related Articles

Giustizia tributaria: al via il nuovo portale

Il Mef – Dipartimento delle Finanza comunica che è accessibile il nuovo portale della giustizia tributaria al seguente indirizzo: http://giustizia

“Piano nazionale per la promozione dell’attività sportiva 2014-2015”: novità anche per gli Enti Locali

In data 21 gennaio 2015 è stato registrato presso la Corte dei conti il “Piano nazionale per la promozione dell’attività

Pubblico impiego: condanna di un dipendente che ha navigato per motivi personali su internet in orario di lavoro

Nella Sentenza n. 22 del 10 marzo 2016 della Corte dei conti Liguria, è stato citato in giudizio un impiegato