Società “in house providing”: sulle controversie legate alle procedure per le assunzioni decide il Giudice ordinario

Società “in house providing”: sulle controversie legate alle procedure per le assunzioni decide il Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 7759 del 23 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulle controversie relative alle procedure seguite dalle Società “in house providing” per l’assunzione del personale dipendente.La Suprema Corte statuisce che tali procedure sono sottoposte alla giurisdizione del Giudice ordinario. In particolare, i Giudici chiariscono che l’art. 18 del Dl. n. 112/08, il quale detta regole diverse per le procedure di reclutamento del personale da parte, da un lato, delle Società in mano pubblica di gestione dei “Servizi pubblici locali”, e, dall’altro, delle altre Società a partecipazione pubblica totale o di controllo, è una norma di diritto sostanziale, la quale non incide in alcun modo sui criteri di riparto della giurisdizione in materia di assunzione dei dipendenti, che rimane devoluta, in entrambe le fattispecie anzidette, al Giudice ordinario, trattandosi ugualmente di Società non equiparabili alle Pubbliche Amministrazioni.


Related Articles

Trasporti pubblici: la giurisdizione sulla controversia contro il gestore del servizio è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 54 del 9 gennaio 2015 del Tar Campania, i Giudici rilevano che la materia di pubblici servizi

Società per azioni “in house”: illegittima la clausola statutaria che limita poteri Amministratori alla sola gestione ordinaria

E’ illegittima la clausola statutaria di una Società “in house” costituita in forma di Spa che limita i poteri degli

“Riforma Madia”: il commento articolo per articolo del nuovo “Testo unico in materia di Società a partecipazione pubblica” 

È stato pubblicato nella G.U. n. 210 dell’8 settembre 2016 il Dlgs. 19 agosto 2016, n. 175, recante “Testo unico