Società miste: il Consiglio di Stato detta le condizioni per l’affidamento diretto di servizi  

Società miste: il Consiglio di Stato detta le condizioni per l’affidamento diretto di servizi  

La Sentenza n. 1028 del 15 marzo 2016 del Consiglio di Stato riguarda l’affidamento diretto di servizi a Società miste pubblico-private per le quali vi sia stata, come nella specie, una previa gara c.d. “a doppio oggetto” per la scelta del socio privato e per l’affidamento del servizio.

I Giudici rilevano che la differenza tra la Società “in house” e la Società mista consiste nel fatto che la prima agisce come un vero e proprio organo dell’Amministrazione dal punto di vista sostanziale, mentre la diversa figura della Società mista a partecipazione pubblica, in cui il socio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Condanna in primo grado per turbativa d’asta: non costituisce causa di grave inadempimento ai sensi dell’art. 38

Il Legale rappresentante di un’impresa concorrente ad una gara di concessione di servizi viene condannato in primo grado per turbativa

Catasto: estensione al Modello “F24EP” dei codici-tributo per pagamenti legati a inosservanza della normativa di settore

  Con la Risoluzione n. 66/E del 21 luglio 2015, l’Agenzia delle Entrate estende alla modalità di versamento “F24 Enti

Immigrazione: pubblicate le “Linee guida sul diritto alla residenza dei richiedenti e beneficiari di protezione internazionale”

Con il Comunicato 13 maggio 2015, il Ministero dell’Interno ha annunciato l’avvenuta pubblicazione delle “Linee guida sul diritto alla residenza