Società miste: il Consiglio di Stato detta le condizioni per l’affidamento diretto di servizi  

Società miste: il Consiglio di Stato detta le condizioni per l’affidamento diretto di servizi  

La Sentenza n. 1028 del 15 marzo 2016 del Consiglio di Stato riguarda l’affidamento diretto di servizi a Società miste pubblico-private per le quali vi sia stata, come nella specie, una previa gara c.d. “a doppio oggetto” per la scelta del socio privato e per l’affidamento del servizio.

I Giudici rilevano che la differenza tra la Società “in house” e la Società mista consiste nel fatto che la prima agisce come un vero e proprio organo dell’Amministrazione dal punto di vista sostanziale, mentre la diversa figura della Società mista a partecipazione pubblica, in cui il socio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tari: i chiarimenti di Arera su alcuni aspetti applicativi del “Mtr” e sulle modalità di trasmissione dei Pef

È stata pubblicata sul sito web istituzionale di Arera la Determinazione 27 marzo 2020, n. 2/DRif/2020, rubricata “Chiarimenti su aspetti

Concessionaria di servizi di trasporto pubblico: la competenza sulla domanda di adeguamento dei contributi dovuti è del Giudice ordinario

Sulla competenza del g.o. sulla domanda, avanzata da un’impresa concessionaria di servizi di trasporto pubblico, di adeguamento dei contributi dovuti,

Detraibilità spese Mensa scolastica: il Comune è tenuto a rilasciare alle famiglie una certificazione dei pagamenti?

Il testo del quesito: “In merito alla detraibilità delle spese per Mensa scolastica nel limite di Euro 400,00 per alunno,