Somme iscritte a ruolo: il maggior termine di 8 rate si applica anche ai piani già in essere all’entrata in vigore del “Decreto del fare”

E’ stata pubblicata sul sito dell’Agenzia delle Entrate la Risoluzione n. 32/E del 19 marzo 2014, con la quale sono stati forniti chiarimenti in merito all’art. 52, comma 1, lett. a), n. 2), Dl. n. 69/13, convertito con modificazioni dalla Legge n. 98/13, cosiddetto “Decreto del fare” che, modificando la disciplina della dilazione di pagamento delle somme iscritte a ruolo prevista dall’art. 19, Dpr. n. 602/73, ha innalzato da 2 a 8o il numero delle rate il cui mancato pagamento determina la decadenza dal beneficio della rateazione.

I chiarimenti forniti hanno teso a dare delucidazioni, in particolare, sul maggior favore per il contribuente e se questo sia applicabile anche ai piani di rateizzazione già in essere alla data di entrata in vigore del “Decreto del fare”, ossia alla data del 22 giugno 2013.

L’Agenzia delle Entrate ha ricordato che l’art. 4 del Decreto di attuazione 6 novembre 2013 – recante “Rateizzazione straordinaria delle somme iscritte a ruolo, come previsto dall’art. 52, comma 3, Dl. n. 69 del 2013, convertito con modificazioni dalla Legge n. 98 del 2013” – ha previsto che i piani di rateazione già accordati alla data di entrata in vigore della modifica normativa “possono, su richiesta del debitore e in presenza delle condizioni di cui all’art. 3, essere aumentati fino a 120 rate”.

Alla luce di ciò, l’Agenzia delle Entrate ha concluso che la medesima ratio possa essere applicata, in via interpretativa, con riferimento alla disposizione che ha innalzato (da 2 a 8o) il numero delle rate il cui mancato pagamento determina la decadenza dal beneficio della rateazione.

Pertanto, l’art. 19, comma 3, Dpr. n. 602/73, è applicabile anche i piani di rateizzazione già in essere alla data del 22 giugno 2013 (data di entrata in vigore del citato “Decreto del fare”).


Tags assigned to this article:
decreto del fareruolo

Related Articles

Ztl: in caso di più violazioni a distanza di ore si applica una sanzione per ogni accesso illegittimo

Nella Sentenza n. 26434, del 16 dicembre 2014, della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità hanno chiarito che in

Tari: confermato al 30 giugno il termine di presentazione della Dichiarazione

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef – Dipartimento Finanze, la Risoluzione 6 agosto 2019 n. 2/DF, rubricata

Regolazioni contabili Tributi locali: in arrivo i rimborsi per chi ha già comunicato le coordinate bancarie ai Comuni

Per i 62.908 soggetti che hanno già comunicato le proprie coordinate bancarie ai Comuni sono in arrivo rimborsi pari a

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.