Spazi pubblicitari: per l’affidamento della gestione ci vuole la gara

Spazi pubblicitari: per l’affidamento della gestione ci vuole la gara

Nella Sentenza n. 1871 del 17 ottobre 2016 del Tar Lombardia, i Giudici precisano che, essendo il mercato degli spazi pubblici destinati agli Impianti pubblicitari contingentato, è essenziale la sottoposizione a procedure pubbliche e trasparenti di ogni tipo di attribuzione ai privati di utilità economicamente allettanti.

Inoltre, anche se si attribuisse la prevalenza al momento privatistico dell’attività di prestazione di servizi pubblicitari, ritenendo che essa sia interamente soggetta a regime autorizzatorio, il modulo della gara pubblica sarebbe comunque necessario alla luce dell’art. 12 della Direttiva n. 123/06, secondo la quale, qualora il numero di autorizzazioni disponibili per una certa attività sia limitato per via della scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche utilizzabili, gli Stati membri impiegano una procedura di selezione tra i candidati potenziali, che presenti garanzia di imparzialità e trasparenza, e preveda in particolare un’adeguata pubblicità dell’avvio della procedura e del suo svolgimento e completamento.


Related Articles

Riscossione: notifica della cartella di pagamento alle persone giuridiche

Corte di Cassazione, Sentenza n. 19645 del 21 settembre 2020 Nella fattispecie in esame, la Suprema Corte premette che la

“Riforma Madia”: in G.U. i Decreti legislativi su Pubblico Impiego e valutazione della performance

Sono stati pubblicati sulla G.U. n. 130 del 7 giugno 2017, i Decreti legislativi n. 74 e 75 del 25

Iva: esenti la concessione in uso di spazi e le prestazioni accessorie volte ad agevolare la vaccinazione in quanto “strettamente connesse”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 548 del 18 agosto 2021, ha fornito precisazioni sul regime di esenzione da