Spesa relativa al personale utilizzato in posizione di comando: esula dall’ambito applicativo dell’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10

Spesa relativa al personale utilizzato in posizione di comando: esula dall’ambito applicativo dell’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10

Nella Delibera n. 111 del 29 giugno 2017 della Corte dei conti Abruzzo, viene chiesto se, in base dell’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, la spesa relativa al personale utilizzato in posizione di comando esuli dall’ambito applicativo della richiamata disposizione normativa, trattandosi di operazione neutra che non incide sulla spesa pubblica complessivamente sostenuta dagli Enti coinvolti, ovvero se tale esclusione operi solo a condizione che l’Ente cedente non proceda alla copertura, con personale a tempo determinato, del posto lasciato disponibile dal dipendente comandato.

Quanto detto, fermo restando in entrambi i casi l’osservanza delle prescrizioni di cui all’art. 1, comma 557, della Legge n. 296/06 in ordine alla spesa complessiva di personale.

La Sezione chiarisce che la spesa relativa al personale utilizzato in posizione di comando esula dall’ambito applicativo dell’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10, ferma restando l’imputazione figurativa della spesa per l’Ente cedente.


Related Articles

Assunzioni stagionali: rilevano ai fini del calcolo della spesa di personale?

LaCorte dei conti Liguria ha pubblicato ieri sul proprio sito istituzionale la Delibera n. 57 del 24 ottobre 2014, nella

Copertura a tempo indeterminato di 2 posti part-time: possibile utilizzare i resti assunzionali del triennio precedente

Nella Delibera n. 184 del 11 novembre 2015 della Corte dei conti Molise, un Sindaco ha inviato una richiesta di

Polizia locale: cessazione per mobilità e vincoli assunzionali

Nella Delibera n. 153 del 18 aprile 2019 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere in