“Spesometro”: l’Agenzia delle Entrate concede un nuovo esonero per gli Enti Locali

“Spesometro”: l’Agenzia delle Entrate concede un nuovo esonero per gli Enti Locali

Con Comunicato stampa del 24 marzo del 2017, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto che, anche per il 2016, le Amministrazioni pubbliche e quelle autonome sono escluse dall’invio dello “Spesometro”, e che è in corso di emanazione un Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate a conferma di ciò. Con precedente Comunicato-stampa 1° aprile 2016 (vedi Entilocalinews n. 14 del 4 aprile 2016) si leggeva quanto segue: “Dopo l’entrata a regime della fattura elettronica P.A. e l’introduzione dello ‘split payment’ (operata dalla ‘Legge di stabilità 2015’), con un Provvedimento in corso di pubblicazione l’Agenzia esclude, anche per il 2015, la Pubblica Amministrazione dall’invio dello ‘Spesometro’”. Essendo gli Enti Locali già stati esclusi dal vecchio “Spesometro”, sarebbe apparso incoerente da parte dell’Agenzia obbligarli ai nuovi adempimenti laddove la stessa Direzione centrale dell’Agenzia delle Entrate aveva già ricordato, che “le disposizioni dell’art. 4 del Dl. n. 193 rappresentano un’evoluzione e razionalizzazione di una serie di adempimenti comunicativi, attualmente assolti tramite la presentazione del cosiddetto spesometro integrato’ – o comunicazione polivalente …

Viene altresì comunicato per i contribuenti non esclusi che però hanno già trasmesso i dati al Sistema Tessera sanitaria che possono non indicare nel Modello polivalente dello “Spesometro” i medesimi dati.


Related Articles

Revisione dei conti degli Enti Locali: nuovo Parere della Corte sulla determinazione del compenso

Nella Delibera n. 228 del 1°agosto 2017 della Corte dei conti Lombardia, il Parere in esame riguarda la determinazione del

Revisori Regioni: le “Linee guida” per relazioni al rendiconto, al bilancio e per la Relazione del Presidente

La Corte dei conti, con successive Deliberazioni n. 5/SezAut/2015/Inpr, n. 6/SezAut/2015/Inpr e n. 7/SezAut/2015/Inpr, approvate nell’Adunanza 17 febbraio 2015 e

Tassazione ai fini delle Imposte dirette di un Comune che incassa dividendi distribuiti dalla sua Società partecipata: esclusione o imponibilità?

Il testo del quesito: “Il ns. Comune sta per ricevere una distribuzione di dividenti da una delle sue Società partecipate.