Suddivisione in lotti importo elevato: possibile purché adeguatamente motivata

Suddivisione in lotti importo elevato: possibile purché adeguatamente motivata

Nella Sentenza n. 1162 del 29 luglio 2019 del Tar Toscana, i Giudici rilevano che, ai sensi dell’art. 51 del Dlgs. n. 50/2016, le Centrali di committenza possono suddividere le gare/affidamenti in lotti di importo elevato, sebbene questo finisca per rendere difficoltosa, se non impossibile, la partecipazione delle medie e piccole Imprese.

I Giudici inoltre affermano che è legittima la scelta della stazione appaltante di non limitare il numero di lotti aggiudicabili al medesimo concorrente, la quale garantisce pur sempre la stazione appaltante stessa da possibili intese anticoncorrenziali, oltre ad assicurare per ciascun lotto la selezione della migliore offerta. L’art. 2-bis, del Dlgs. n. 163/2006, stabiliva che gli appalti fossero suddivisi in lotti funzionali al fine di favorire l’accesso alle gare delle piccole e medie Imprese, sempre che la suddivisione fosse “possibile ed economicamente conveniente”, onerando le stazioni appaltanti della facoltà di esporre le ragioni della scelta di non frazionare l’affidamento.

Con il passaggio all’art. 51 del Dlgs. n. 50/2016, sembra assistersi a un mutamento di prospettiva, venendo sancita la regola (almeno apparentemente) incondizionata della suddivisione della gara in lotti di importo adeguato e proporzionato, in modo da garantire l’effettiva possibilità di partecipazione da parte delle microimprese, piccole e medie Imprese.

Resta tuttavia ferma la praticabilità della scelta di non suddividere l’appalto in lotti, purché adeguatamente motivata. In altri termini, quello della suddivisione in lotti non è un obbligo inderogabile, come pure non è esclusa dal Legislatore la formazione di lotti di importo elevato.


Related Articles

Trattamento accessorio: modalità di calcolo della riduzione delle risorse prevista dalla “Legge di stabilità 2016”

Nella Delibera n. 2 del 20 gennaio 2017 della Corte dei conti Umbria, un Sindaco chiede un chiarimento sulla corretta

Accertamento: il contribuente può proporre ricorso contro l’atto, in autotutela, che lo annulla parzialmente

Nella Sentenza n. 14243 dell’8 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che “deve essere riconosciuta la possibilità

Emissione Mav: contributo dovuto dalle stazioni appaltanti all’Anac

Con la Nota 7 febbraio 2017, l’Anac ha reso noto che è disponibile, sul Servizio “Riscossione Contributi”, il Mav riguardante

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.