Tari: Comunicato del Mef in merito al riversamento automatico del Tefa per i pagamenti effettuati a mezzo “PagoPa”

Tari: Comunicato del Mef in merito al riversamento automatico del Tefa per i pagamenti effettuati a mezzo “PagoPa”

E’ stato pubblicato sul sito web istituzionale del Mef-Dipartimento Finanze il Comunicato 8 marzo 2021, avente ad oggetto “Pagamento Tari-Tefa mediante l’utilizzo della Piattaforma ‘PagoPA’ – Dm. 21 ottobre 2020”.

Il Comunicato citato si è espresso in merito alle modalità di versamento unificato, a partire dal 2021, della Tari e del Tefa a mezzo della piattaforma “PagoPa”.

Andiamo di seguito ad analizzarne il contenuto.

Il Dm. Mef 21 ottobre 2020 ha definito le modalità di versamento unificato, per le annualità 2021 e seguenti, della tassa sui rifiuti (Tari), della tariffa corrispettiva e del tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente (Tefa) mediante la piattaforma “PagoPa”.

Sulla base del predetto Decreto, “PagoPa” spa ha introdotto una nuova modalità di pagamento “multi-beneficiario” per il versamento automatico delle somme ai rispettivi Enti impositori, ovvero il Comune per la Tari e le Province o le Città Metropolitane per il Tefa.

Per l’incasso congiunto delle suddette entrate i Comuni, le Città Metropolitane e le Province – tramite i loro partner tecnologici e i Prestatori di Servizi di Pagamento (Psp), dovranno prevedere un piano di adeguamento delle proprie procedure per l’attuazione delle misure di cui sopra.

Il Ministero ha inoltre precisato che per evitare che gli sviluppi informatici in capo agli Enti creditori e ai Psp comportino ritardi e disservizi nei confronti dell’utenza, considerati i tempi di adeguamento delle procedure informatiche di gestione degli avvisi multi-beneficiario, si ritiene che il pagamento di tali avvisi possa prudentemente avvenire a decorrere dal 1° luglio 2021.

Il Dipartimento delle Finanze ha individuato alcune prassi che possono agevolare nella corretta gestione degli avvisi di pagamento della Tari e del Tefa per l’anno 2021, senza intralciare il processo di riscossione. In particolare:

1. in caso di pagamento rateizzato della Tari, è possibile prevedere che il Tefa sia incluso nel pagamento dell’ultima rata, o comunque incluso in una rata in scadenza successivamente al 30 giugno 2021;

2. in caso di pagamento in unica soluzione della Tari, sarebbe opportuno posticipare la scadenza del pagamento complessivo a saldo successivamente al 30 giugno 2021, avendo cura di evidenziare esplicitamente il termine da cui sarà possibile effettuare il pagamento;

3. nel caso in cui sia indispensabile emettere avvisi di pagamento Tari con scadenza in unica soluzione prima del 30 giugno 2021, è possibile emettere un avviso relativo ad un primo acconto (ad es. 80%) e un altro a saldo (con scadenza successiva al 30 giugno 2021), comprensivo dell’intero importo del Tefa.

In considerazione della prima applicazione del Dm. Mef 21 ottobre 2020, tali soluzioni permetteranno:

– agli oltre 400 Psp aderenti a “PagoPa”, di adeguarsi al nuovo modello di pagamento con Ente multi-beneficiario e di offrire quindi al cittadino la piena multicanalità integrata;

– ai Comuni, di adeguare le proprie procedure informatiche, avendo il tempo necessario per procedere con test più accurati;

– alle Province e alle Città metropolitane, di ricevere l’accredito del Tefa in un’unica soluzione, non frammentata e di adeguare le proprie procedure alle nuove modalità di riversamento e rendicontazione Tari-Tefa, con tempistiche meno stringenti;

– ai partner tecnologici, di supportare adeguatamente gli Enti in questo processo di migrazione.

A fronte di quanto previsto nell’Allegato “A” dello stesso Decreto, agli Enti che al 30 giugno 2021 non saranno ancora stati in grado di sviluppare una soluzione o di adottarne una fornita da un partner tecnologico, oppure adottare una soluzione “in riuso” messa a disposizione da numerose Società “in house” regionali, “PagoPa” Spa metterà a disposizione una soluzione in sussidiarietà, che consentirà:

– la generazione degli avvisi “PagoPa” (analogici/digitali);

– la successiva postalizzazione degli avvisi “PagoPa” a cura dei singoli Comuni;

– di generare, a richiesta, una “avvisatura” digitale tramite “App-IO”.

Gli avvisi “PagoPa” generati con questa soluzione, consentiranno ai cittadini di effettuare i pagamenti mediante i canali, resi disponibili dai Psp aderenti alla Piattaforma, fisici (Uffici postali, Tabaccai, filiali bancarie, ecc), on line e tramite “App-IO”.


Related Articles

Estinzione di una Ipab: il personale può essere assorbito dal Comune solo se ha superato un concorso pubblico

Nella Delibera n. 4 del 4 febbraio 2016 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione è chiamata ad analizzare una

Iva: risulta indetraibile l’Iva fatturata in eccesso dal fornitore prima della novità normativa introdotta dalla “Legge di Stabilità 2018”

Corte di Cassazione – Sezione Civile, Sezione V – Sentenza n. 24001 del 23 maggio 2018 La previsione di cui

Risoluzione contrasti interni tra le disposizioni del bando, del disciplinare di gara e del capitolare speciale d’appalto

Nella Sentenza n. 4684 del 9 ottobre 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici rilevano che, benché il

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.