Tari: legittima la determinazione della quota variabile in base agli svuotamenti piuttosto che alla superficie dei locali

Tari: legittima la determinazione della quota variabile in base agli svuotamenti piuttosto che alla superficie dei locali

Nella Sentenza n. 945 del 30 giugno 2016 del Tar Piemonte, è controversa la legittimità delle Delibere consiliari, adottate da un Comune, riguardanti la fissazione delle tariffe per la Tari per l’anno 2015 (nonché per l’anno 2014). In particolare, alcune imprese commerciali hanno contestato l’aumento delle tariffe per le utenze non domestiche, denunciando anche una disparità di trattamento rispetto alle utenze domestiche, così come altri profili di irragionevolezza e di violazione di legge, tra cui il criterio di determinazione della quota variabile della tariffa Tari, caratterizzato dal riferimento come base imponibile agli “svuotamenti” invece che alla superficie imponibile.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Riscossione: l’Agenzia delle Entrate introduce le nuove modalità di comunicazione dell’indirizzo Pec per la notifica degli atti

Con il Provvedimento 28 giugno 2017 n. 120768, l’Agenzia delle Entrate introduce le nuove modalità di comunicazione dell’indirizzo Pec per

Mobilità per interscambio: possibile anche se l’Ente non ha rispettato i tempi medi di pagamento

 Corte dei conti Umbria, Delibera n. 147 del 12 novembre 2015 Nella fattispecie in esame, un Comune chiede se, pur essendo

Imu: in caso di risoluzione del contratto di locazione finanziaria la soggettività passiva torna alla Società di leasing

Nella Sentenza n. 4187 del 12 giugno 2017 della Ctp Milano,la questione controversa riguarda chi deve pagare l’Imu nel periodo