Tarsu: illegittima la tariffa per camere d’albergo che non differenzia locali ad uso abitativo e non

Tarsu: illegittima la tariffa per camere d’albergo che non differenzia locali ad uso abitativo e non

 

Nella Sentenza n. 1056 del 2 dicembre 2015 del Tar Emilia Romagna, i Giudici hanno osservato che l’art. 65, comma 1, del Dlgs. n. 507/93, dispone che “la Tassa può essere commisurata o in base alla quantità e qualità medie ordinarie per unità di superficie imponibile dei rifiuti solidi urbani interni ed equiparati producibili nei locali ed aree per il tipo di uso, cui i medesimi sono destinati, e al costo dello smaltimento oppure, per i Comuni aventi popolazione inferiore a 35.000 abitanti, in base alla qualità, alla quantità effettivamente prodotta, dei rifiuti solidi urbani e al costo

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Spesa personale: non trovano applicazione i limiti di spesa in caso di impiego a tempo pieno di personale di altre Amministrazioni locali

Nella Delibera n. 91 del 12 luglio 2016 della Corte dei conti Piemonte viene chiesto se i rapporti di lavoro

Cottimo fiduciario: i criteri per l’affidamento dei servizi devono essere preventivamente specificati

Nel Parere n. 9 del 4 febbraio 2015, l’Anac afferma che qualunque sia la procedura di gara prescelta dalla stazione

Ripiano del disavanzo: errata contabilizzazione del “Fondo anticipazioni”

Nella Delibera n. 28 del 19 dicembre 2017 della Corte dei conti Autonomie, la questione controversa in esame è incentrata