Tarsu: la Tassa è dovuta anche in presenza di atti vandalici

Tarsu: la Tassa è dovuta anche in presenza di atti vandalici

Nell’Ordinanza n. 18854 del 23 settembre 2015 della Corte di Cassazione, in tema di Tarsu, sulla base degli artt. 62 e 64 del Dlgs. n. 507/93, i Comuni devono istituire una apposita Tassa annuale su base tariffaria che viene a gravare su chiunque occupi o conduca i locali, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale in cui i servizi sono istituiti. Tale Tassa è dovuta indipendentemente dal fatto che l’utente utilizzi il servizio, salva l’autorizzazione dell’Ente impositore allo smaltimento dei rifiuti secondo altre modalità.

La Tarsu è quindi dovuta qualora sia stato istituito il “Servizio di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Cosap: dal 2018 non vi è più l’obbligo di trasmissione dei Provvedimenti comunali al Mef

Il Dipartimento delle Finanze del Mef, in data 11 gennaio 2018, ha reso noto, tramite il “Portale del Federalismo fiscale”,

Durc: gli errori sono sindacabili soltanto dal Giudice ordinario

Il Consiglio di Stato, Sezione Quarta, Sentenza n. 1321 del 12 marzo 2015, afferma che la verifica della regolarità contributiva

“Piano finanziario Tari”: illegittima la Delibera di approvazione se non corredata dalla Relazione prevista dal Dpr. n. 158/99

Nella Sentenza n. 112 del 26 marzo 2018 del Tar Pescara, i ricorrenti Consiglieri comunali impugnano la Delibera con cui