Tarsu: le modalità di applicazione nel caso di rifiuti da imballaggio

Tarsu: le modalità di applicazione nel caso di rifiuti da imballaggio

Nella Sentenza n. 11451 dell’11 maggio 2018della Corte di Cassazione viene trattata la tematica dell’applicazione della Tarsu sui rifiuti da imballaggio.

La Tarsu è dovuta indipendentemente dal fatto che l’utente utilizzi il “Servizio di smaltimento dei rifiuti”, in quanto la ragione istitutiva del relativo prelievo sta nel porre le Amministrazioni locali nelle condizioni di soddisfare interessi generali della collettività, piuttosto che nel fornire prestazioni riferibili a singoli utenti. L’omesso svolgimento in concreto, da parte del Comune, del “Servizio di raccolta” nella zona ove è ubicato l’immobile, comporta quindi, non già l’esenzione dalla Tassa, bensì l’applicazione del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Professionisti e imprese in “regime forfettario”: una Circolare delle Entrate illustra le modifiche introdotte dal 2019

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 9/E del 10 aprile 2019, ha fornito indicazioni in relazione alle modalità di

“Tusp”: la definizione dell’attività prevalente ex art. 16 nelle Società capogruppo “in house”

Viene esaminata in questa sede la questione attinente il rilievo che può avere il fatturato generato dalla Società controllata sulla

Gara pubblica: legittima l’esclusione per l’omissione di un patteggiamento

Nella Sentenza n. 25 del 5 gennaio 2018 del Tar Puglia, le Società ricorrenti, costituite in Raggruppamento temporaneo d’impresa, impugnano

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.