Tarsu: legittime le tariffe differenziate tra gli esercizi alberghieri e le abitazioni civili

Tarsu: legittime le tariffe differenziate tra gli esercizi alberghieri e le abitazioni civili

 

Nella Sentenza n. 14758 del 15 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema di Tarsu, è legittima la Delibera comunale di approvazione del Regolamento e delle relative tariffe, in cui la categoria degli esercizi alberghieri venga distinta da quella delle civili abitazioni, ed assoggettata ad una tariffa notevolmente superiore a quella applicabile a queste ultime. La maggiore capacità produttiva di un esercizio alberghiero rispetto ad una civile abitazione costituisce infatti un dato di comune esperienza, emergente da un esame comparato dei Regolamenti comunali in materia, ed assunto quale criterio di classificazione e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Fabbisogno statale: nei primi 8 mesi del 2016 è stato inferiore di 2 miliardi rispetto a quello 2015

Nei primi 8 mesi dell’anno il fabbisogno statale italiano è stato pari a 30,1 miliardi di Euro, contro i 32

Gestione associata Segreteria comunale: la retribuzione del Segretario si basa sulla fascia demografica dell’Ente capofila

 Nella Delibera n. 2 del 14 gennaio 2016 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, la materia oggetto del quesito

Ici: determinazione del valore venale

Nell’Ordinanza n. 29899 del 30 dicembre 2020 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte chiarisce che, in tema di Ici,