Tarsu: legittime le tariffe differenziate tra gli esercizi alberghieri e le abitazioni civili

Tarsu: legittime le tariffe differenziate tra gli esercizi alberghieri e le abitazioni civili

 

Nella Sentenza n. 14758 del 15 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema di Tarsu, è legittima la Delibera comunale di approvazione del Regolamento e delle relative tariffe, in cui la categoria degli esercizi alberghieri venga distinta da quella delle civili abitazioni, ed assoggettata ad una tariffa notevolmente superiore a quella applicabile a queste ultime. La maggiore capacità produttiva di un esercizio alberghiero rispetto ad una civile abitazione costituisce infatti un dato di comune esperienza, emergente da un esame comparato dei Regolamenti comunali in materia, ed assunto quale criterio di classificazione e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Regolamento elettorale Consigli Ordini Commercialisti e Collegi Revisori: illegittimo per violazione del Principio di parità di accesso alle cariche elettive

Nella Sentenza n. 4706 del 22 aprile 2021 del Tar Lazio, i Giudici affermano che è illegittimo il Regolamento elettorale

Iva sui “dpi”: non si applica il regime agevolato per i saponi che non hanno proprietà disinfettanti

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 370 del 17 settembre 2020, ha precisato l’applicabilità del regime

“Recovery fund”: per Banca d’Italia i suoi effetti si potrebbero tradurre in un aumento fino a 3 punti del Pil entro il 2025

Un aumento cumulato del livello del Pil di circa 3 punti percentuali entro il 2025: a tanto potrebbe ammontare l’effetto