Tarsu: non è dovuta se è provata la cessata occupazione

Nella Sentenza n. 24577 del 2 dicembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema di Tarsu, l’art. 64, comma 4, del Dlgs. n. 507/93, deve intendersi nel senso che, pur in caso di omissione della Denuncia di cessazione di occupazione dell’immobile nell’anno in cui tale cessazione è avvenuta, la Tassa non è comunque dovuta, per gli anni successivi a quello della cessazione così dichiarata, qualora:

a) l’utente presenti Denuncia tardiva di cessazione (comunque non oltre 6 mesi dalla notifica del ruolo, ex 75, comma 2, del Dlgs. n. 507/93) e fornisca la prova di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.