Tarsu: parcheggio coperto

Tarsu: parcheggio coperto

Nella Sentenza n. 8908 dell’11 aprile 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda un avviso di accertamento emesso per Tarsu, anno 2007, in relazione alle superfici coperte, adibite a Parcheggio, di un Centro commerciale.

La Suprema Corte osserva che secondo l’art. 62, comma 1, del Dlgs. n. 507/93, “la Tassa è dovuta per l’occupazione o la detenzione di locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, ad esclusione delle aree scoperte pertinenziali o accessorie di civili abitazioni diverse alle aree a verde, esistenti nelle zone del territorio comunale in cui il Servizio è istituito ed attivato o comunque reso in maniera continuativa nei modi previsti. Di conseguenza, i Giudici di legittimità avrebbero dovuto accertare se la contribuente avesse effettivamente dimostrato i presupposti fattuali per poter beneficiare delle citate esclusioni dall’assoggettamento al Tributo, e non limitarsi a rilevare “il vincolo di destinazione ad uso pubblico” del Parcheggio coperto per cui è causa, destinazione funzionale dell’immobile che non conduce affatto a ritenere che lo stesso sia improduttivo di rifiuti solidi urbani.

Inoltre, la Suprema Corte chiarisce che le deroghe di cui sopra non sono automatiche ma devono essere di volta in volta dedotte ed accertate con un procedimento amministrativo, la cui conclusione deve essere basata su elementi obiettivi direttamente rilevabili o su idonea documentazione.


Related Articles

Tia: utenze domestiche e non domestiche

Nella Sentenza n. 4600 del 28 febbraio 2018 della Corte di Cassazione, una Società impugnava l’avviso di liquidazione emesso da

Ici: la ruralità può essere riconosciuta anche ai fabbricati adibiti alla manipolazione e trasformazione dei prodotti agricoli forniti dai soci

Nella Sentenza n. 10467 del 20 maggio 2016, la Corte di Cassazione si esprime in materia di Ici, affermando che

Danno derivante da gestione di servizio pubblico: giurisdizione della Corte dei conti

Nella Sentenza n. 21871 del 30 agosto 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che sussiste il