Tarsu: è soggetto passivo anche chi occupa o detiene box, cantine e garage

Tarsu: è soggetto passivo anche chi occupa o detiene box, cantine e garage

Nella Sentenza n. 2626 del 24 ottobre 2016 del Tar Catania, un Consiglio comunale determinava la modifica del Regolamento comunale per l’applicazione della Tarsu, iniziando una riduzione del 90% per box, garage, cantine e ripostigli. Contro queste determinazioni veniva proposto ricorso, affermando la violazione dell’art. 52 del Dlgs. n. 446/97. Infatti, i ricorrenti rilevavano che l’introduzione della modifica al Regolamento comunale Tarsu, che fa riferimento alla sola riduzione del 90% per box, cantine, garage e ripostigli, nella totale assenza della previsione di una rispettiva categoria, sarebbe una illegittima modifica in senso peggiorativo per i contribuenti. Inoltre, veniva dedotta la violazione dell’art. 62, comma 2, del Dlgs. n. 507/93 e del Regolamento comunale Tarsu. I Giudici rilevano che il presupposto fattuale della Tarsu è individuato dall’art. 62, comma 1, Dlgs. n. 507/93, secondo cui “la Tassa è dovuta per l’occupazione o la detenzione di locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, ad esclusione delle aree scoperte pertinenziali o accessorie di civili abitazioni diverse dalle aree a verde, esistenti nelle zone del territorio comunale in cui il servizio è istituito ed attivato o comunque reso in maniera continuativa”.

Tuttavia, il Tributo è escluso per alcune fattispecie individuate in dettaglio dal Legislatore, che altrimenti sarebbero state soggette ad ordinaria imposizione. L’art. 62, comma 2 citato, stabilisce in questo senso che “non sono soggetti alla Tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati o perché risultino in obiettive condizioni di non utilizzabilità nel corso dell’anno, qualora tali circostanze siano indicate nella denuncia originaria o di variazione e debitamente riscontrate in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione”.

Pertanto, secondo i Giudici, dal quadro sopra riferito emerge che il Tributo è dovuto quando il soggetto passivo occupa o detiene locali ed aree scoperte poste nel territorio comunale, e fra queste vi rientrano, senza la necessità di configurare una categoria ad hoc, anche box, cantine e garage. Nei casi in cui il locale (e dunque anche le suddette pertinenze) o l’area scoperta non possono produrre rifiuti, il Tributo non è invece dovuto, a condizione che il contribuente ne dia notizia in sede di Dichiarazione e tale circostanza sia obiettivamente riscontrabile da parte dell’Ente impositore. In sostanza, vi è una presunzione legale di produttività dei rifiuti che il contribuente può vincere facendosi carico del relativo onere probatorio.


Related Articles

“Superbonus”: può fruirne l’Asd per lavori realizzati sugli spogliatoi di un Impianto sportivo comunale affidatogli in gestione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 567 del 30 agosto 2021, ha fornito chiarimenti in ordine alla possibilità di usufruire del “Superbonus”, da parte

Bilanci degli Enti Locali anno 2017: entrate in calo per Province e Città metropolitane e riduzione generalizzata delle spese impegnate

E’ stato pubblicato sul sito istituzionale dell’Istat in data 4 luglio 2019 il Report dal titolo “Entrate in calo per

Appalti: la Corte dei conti risponde in materia di incentivi per le funzioni tecniche ex art. 113 del nuovo “Codice degli Appalti”

Nella Delibera n. 333 del 16 novembre 2016 della Corte dei conti Lombardia, il parere in esame riguarda la materia