Tarsu: sulla tariffa applicabile agli esercizi alberghieri non è rilevante la distinzione tra le diverse zone della struttura

Tarsu: sulla tariffa applicabile agli esercizi alberghieri non è rilevante la distinzione tra le diverse zone della struttura

Nell’Ordinanza 23241 del 18 settembre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di Tarsu, è legittima la Delibera comunale che preveda una tariffa per la categoria degli esercizi alberghieri notevolmente superiore a quella applicata alle civili abitazioni, stante la differente potenzialità di rifiuti prodotti. Peraltro, la Suprema Corte precisa che non acquisisce rilevanza la distinzione nell’ambito dell’esercizio alberghiero tra zone più o meno produttive di una maggiore quantità di rifiuti.


Related Articles

Contabilità: aggiornamento del “Piano dei conti integrato” per l’esercizio 2019

Con il Decreto 25 gennaio 2019, emanato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e pubblicato sulla G.U. n. 42 del

“Fabbisogni standard” dei Comuni per il 2018: “via libera” del Consiglio dei Ministri all’adozione dei nuovi coefficienti di riparto

  Il Consiglio dei Ministri, riunitosi il 2 ottobre 2017 a Palazzo Chigi, ha approvato l’adozione dei nuovi coefficienti di

Provvedimento di acquisizione sanante di competenza del Consiglio comunale

Nella Sentenza n. 68 dell’11 gennaio 2021 del Tar Lombardia, viene impugnato il provvedimento con cui un Comune ha disposto,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.