Tasi: approvato il Modello del bollettino per il versamento, in G.U. i dettagli

E’ stato pubblicato nella G.U. n. 122 del 28 maggio 2014 un Decreto Mef, recante “Approvazione del bollettino di conto corrente postale per il versamento del Tributo sui servizi indivisibili (Tasi)”.
I Modelli approvati, disponibili sotto forma di Allegato al Decreto, sono stati elaborati sulla base delle caratteristiche tecniche rese note sulla G.U., Foglio Inserzioni, del 19 maggio 2001, n. 115, e potranno essere usati a partire dall’anno 2014.
Il Modello di bollettino di conto corrente postale deve necessariamente contenere l’identificativo di conto corrente n. 1017381649 e la causale “Pagamento Tasi”. Le citate disposizioni valgono per tutti i Comuni del territorio nazionale.
La Società Poste Italiane Spa riverserà le somme dei bollettini dei contribuenti sulla contabilità speciale n. 1777 intestata a “Agenzia delle Entrate – Fondi della riscossione”, aperta presso la Banca d’Italia, e trasmetterà poi alla “’struttura di gestione’, di cui all’art. 22, comma 3, del Dlgs. 9 luglio 1997, n. 241, i corrispondenti dati analitici indicati nei bollettini medesimi, con la tempistica e le modalità tecniche previste, per i versamenti unitari, dal citato Dlgs. n. 241/97 e dai relativi provvedimenti attuativi”. Sarà poi la “struttura di gestione”, sulla base dei dati rendicontati da Poste Italiane Spa, ad accreditare ai Comuni le somme spettanti ed a trasmettere agli stessi, con cadenza settimanale e modalità telematiche, appositi flussi informativi contenenti i dati analitici dei versamenti eseguiti dai contribuenti e gli estremi delle operazioni di accreditamento delle quote di gettito spettanti ai medesimi Comuni.
Poste Italiane Spa ha l’onere di provvedere a far stampare a sue spese i bollettini, provvedendo a renderli disponibili gratuitamente all’interno degli Uffici postali.
L’art. 5 del Dm. Mefha disposto che il Comune può provvedere ad inviare i bollettini di conto corrente postale prestampati, sia nel corpo del bollettino, sia nella parte riservata alla lettura ottica. Da quanto appena riportato ne deriva che l’Ente Locale non è obbligato ad inviare i bollettini di conto corrente postale precompilati.
Per ulteriori approfondimenti di carattere tecnico, rinviamo alla lettura del Documento di prassi analizzato, disponibile anche sul sito www.entilocaliweb.it.


Tags assigned to this article:
bollettinomodelloTasi

Related Articles

Processo tributario: inammissibilità anche dell’appello incidentale non depositato

Nella Sentenza n. 22781 del 6 novembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che, in tema di contenzioso

Imposta di sbarco: Palazzo Spada rimette alla Corte costituzionale la questione di legittimità sull’applicazione limitata a specifici vettori

Con l’Ordinanza n. 4336 del 16 settembre 2015, il Consiglio di Stato rimette alla Consulta la questione di legittimità costituzionale

Funzione di sostituto o responsabile d’imposta per la Tassa di soggiorno

Nella Sentenza n. 166 del 3 maggio 2019 della Corte dei conti Toscana, la questione controversa in esame riguarda l’art.

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.