Tasi: chiarimenti sull’inserimento nel “Portale del Federalismo fiscale” delle Delibere di approvazione delle aliquote e dei Regolamenti

Tasi: chiarimenti sull’inserimento nel “Portale del Federalismo fiscale” delle Delibere di approvazione delle aliquote e dei Regolamenti

Il Mef – Dipartimento delle Finanze, Direzione Legislazione tributaria e Federalismo fiscale, con la Nota 2 settembre 2014, Prot. n. 28926, ha fornito chiarimenti in merito all’approvazione degli atti relativi alla Tasi.
Modalità di trasmissione degli atti
Il Dipartimento ha ricordato che, ai sensi dell’art. 1, comma 688, settimo periodo, della Legge n. 147/13, l’unica modalità per la trasmissione delle Deliberazioni di approvazione delle aliquote e dei Regolamenti Tasi consiste nell’inserimento di detti atti all’interno dell’apposita Sezione del “Portale del Federalismo fiscale”. Di conseguenza, il Mef non prenderà in considerazione gli atti trasmessi con modalità diverse da quella sopra riportata (ad esempio posta tradizionale, fax o posta elettronica, anche certificata).
Per Comuni che non dispongono delle credenziali di accesso al servizio o che hanno necessità di risolvere alcune problematiche inerenti l’accesso allo stesso, il Dipartimento ha rinviato alla consultazione della “Guida all’accesso” disponibile all’indirizzo web https://www.portalefederalismofiscale. gov.it/portale/it/web/guest/ap guida-all-accesso.
Natura della pubblicazione ed effetti del mancato invio degli atti
L’inserimento nel Portale degli atti Tasi deve essere effettuato entro il 10 settembre 2014 al fine di permettere al Dipartimento di pubblicarli sul sito internet www.finanze.it entro il successivo 18 settembre 2014, così come previsto dall’art. 1, comma 688, della Legge n. 147/13.
La pubblicazione degli atti nel “Portale del Federalismo fiscale” costituisce condizione di efficacia, sia delle Delibere di approvazione delle aliquote, sia dei Regolamenti Tasi. Nel caso di mancato invio degli atti entro il termine del 10 settembre 2014, si produrranno i seguenti effetti previsti dal medesimo comma 688:
• applicazione, per l’anno 2014, dell’aliquota base dell’1‰ (o diversa aliquota in virtù del limite all’imposizione Imu/Tasi). Nel caso in cui il Comune intenda stabilire l’azzeramento della Tasi per l’anno in corso, è necessario che lo stesso inserisca nel “Portale del Federalismo fiscale” la relativa Deliberazione entro il termine sopra riportato;
• obbligo di versamento in un’unica soluzione della Tasi dovuta entro il 16 dicembre 2014.
Atti soggetti a pubblicazione
Il Ministero ha precisato che non saranno pubblicati atti diversi dalle Deliberazioni di determinazione delle aliquote o di approvazione dei Regolamenti.
In conclusione, il Dipartimento ha evidenziato che la proroga del termine di approvazione del bilancio di previsione 2014 al 30 settembre non incide sulla vigenza del termine fissato per la trasmissione delle Deliberazioni e dei Regolamenti relativi alla Tasi, con la conseguenza che entro il 10 settembre 2014 i Comuni sono tenuti a trasmettere gli atti che costituiscano la manifestazione della volontà definitiva dell’Ente in materia di Tasi.


Tags assigned to this article:
Tasi

Related Articles

Imposta di soggiorno: l’albergatore che non riversa il Tributo al Comune è responsabile di danno erariale

Nella Sentenza n. 41 del 19 febbraio 2018 della Corte dei conti Toscana, vengono citati in giudizio i legali rappresentanti

Ici: vincolo pertinenziale con l’immobile

Nell’Ordinanza n. 2232 del 24 gennaio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, “in tema di

Ici: un terreno deve essere considerato fabbricabile in base al solo “Piano urbanistico” anche senza attuazione

Nell’Ordinanza n. 10476 del 27 aprile 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda un contribuente che

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.