Tasi: non sussiste l’obbligo di inviare bollettini precompilati

Tasi: non sussiste l’obbligo di inviare bollettini precompilati

Con il Comunicato 12 maggio 2015, l’Anci ha dichiarato che “non sussiste alcun obbligo di invio di Modelli di pagamento Tasi preventivamente precompilati da parte dei Comuni. Su richiesta del contribuente, i Comuni devono comunque assicurare servizi di assistenza al contribuente, comprensivi della compilazione dei bollettini di pagamento”. Oltre che non obbligatorio, secondo l’Associazione l’invio di Modelli di pagamento Tasi precompilati è inattuabile. “Infatti  – si legge – l’invio dei Modelli precompilati presuppone l’esatta conoscenza dei soggetti passivi, in astratto ricavabili dalla banca-dati Imu per la quota di competenza dei possessori e dalla Tares/Tari per la quota di competenza degli occupanti. Tuttavia, anche ipotizzando un incrocio tra le suddette banche dati, si deve considerare che negli archivi Tari gran parte degli immobili non sono ancora qualificati con i rispettivi identificativi catastali; gli stessi archivi catastali degli immobili e delle proprietà immobiliari non sono allineati tra loro; l’invio di Modelli precompilati relativi alla condizione corrente di proprietà ed uso degli immobili e’ incompatibile con la data di pagamento dell’acconto (che dovrebbe riflettere le eventuali modifiche di imponibilità intervenute) e confligge con la scadenza della dichiarazione Tasi, fissata dalla legge al 30 giugno dell’anno successivo a quello di riferimento’’.


Related Articles

Divieto stipula contratti di collaborazione P.A.: vale solo per quelli sottoscritti a partire dal 1° gennaio 2017

Nella Delibera n. 75 del 23 giugno 2016 della Corte di conti Piemonte, il quesito in esame attiene alla corretta

Appalti: il Tar ribadisce l’esclusione degli appaltatori incorsi in gravi errori nell’esercizio dell’attività professionale

Il Tar Campania, con la Sentenza n. 6507 del 10 dicembre 2014, osserva che l’art. 38 del Dlgs. n. 163/06,

Tari: riconosciuta la natura di credito privilegiato in pendenza di procedura concorsuale

Nella Sentenza n. 12275 del 14 giugno 2016, la Corte di Cassazione afferma che il tributo Tari dovuto dal fallito