“Tia2”: il prelievo ha natura privatistica ed è soggetta ad Iva

“Tia2”: il prelievo ha natura privatistica ed è soggetta ad Iva

Nella Sentenza n. 8631 del 7 maggio 2020 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda la debenza, o meno, dell’Iva sulla “Tia2”. I Giudici di legittimità rilevano che l’art. 238 del Dlgs. n. 152/2006, ha provveduto alla soppressione della tariffa (di igiene ambientale) di cui all’art. 49 del Dlgs. n. 22/1997 (la c.d. “Tia1”), “salvo quanto previsto dal comma 11”, che, a sua volta, ha disposto che “(s)ino alla emanazione del Regolamento di cui al comma 6 e fino al compimento degli adempimenti per l’applicazione della tariffa continuano ad applicarsi le discipline regolamentari vigenti”. La “Tia1”, istituita dall’art. 49 del Dlgs. n. 22/1997, oggi abrogato, avendo natura tributaria, non è assoggettabile all’Iva, che mira a colpire la capacità contributiva insita nel pagamento del corrispettivo per l’acquisto di beni o servizi e non in quello di un’imposta, sia pure destinata a finanziare un servizio da cui trae beneficio il medesimo contribuente. Per quanto riguarda la “Tia2”, la Suprema Corte afferma che la natura privatistica della tariffa consente di ritenere il prelievo assoggettabile ad Iva ai sensi dell’art. 3 del Dpr. n. 633/1972, ciò non trovando ostacolo nella circostanza che il pagamento della Tia/2 (come quello della “Tia1”) sia obbligatorio per legge, atteso che il citato art. 3, del Dpr. n. 633/1972 prevede che “prestazioni verso corrispettivo dipendenti da contratti d’opera, appalto, trasporto, mandato, spedizione, agenzia, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare, di non fare e di permettere” costituiscono prestazioni di servizi (ai fini della assoggettabilità all’Iva ex art. 1 del medesimo Decreto) “quale ne sia la fonte”.

Peraltro, a conforto della natura privatistica della tariffa “nella prospettiva dell’opzione legislativa è … chiaro che l’individuazione del costo con componenti predeterminate o accessorie è del tutto compatibile trattandosi di contratti di massa, nella cornice dei quali trova idonea spiegazione anche la redistribuzione agevolativa dei costi con modalità che tengano conto anche di indici reddituali”.

Quindi, la natura privatistica della “Tia2”, quale corrispettivo del “Servizio di raccolta, recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani”, nel contesto di un rapporto sinallagmatico consente l’assoggettabilità ad Iva della relativa prestazione patrimoniale.

In conclusione, la tariffa di cui all’art. 238 del Dlgs. n. 152/2006, come interpretato dall’art. 14, comma 33, del Dl. n. 78/2010, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 122/2010, ha natura privatistica ed è, pertanto, soggetta ad Iva ai sensi degli artt. 1, 3, 4, commi 2 e 3, del Dpr. n. 633/1972.


Related Articles

Cauzione provvisoria: legittima l’esclusione dalla gara se l’intermediario finanziario non è abilitato per appalti pubblici

Nel Parere n. 183 del 28 ottobre 2015, l’Anac prende in esame il caso di una Società cooperativa che contesta

Ici: per l’esenzione prevale la destinazione

Nella Sentenza n. 20516 del 12 ottobre 2016 della Corte di Cassazione, la controversia riguarda l’impugnazione di un avviso di

Titolari di reddito di impresa: in via di pubblicazione il Dpcm. che proroga il termine per il versamento delle Imposte

Con il Comunicato-stampa n. 125 del 20 luglio 2017, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto il differimento

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.