Titolo di studio richiesto dal bando di gara: la valutazione di equipollenza deve essere formulata da un atto normativo

Titolo di studio richiesto dal bando di gara: la valutazione di equipollenza deve essere formulata da un atto normativo

Nella Sentenza n. 5924 del 30 agosto 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che ove il bando richieda, per la partecipazione ad una procedura evidenziale (concorso pubblico o procedura di gara), il possesso di un determinato titolo di studio o di uno ad esso equipollente, la determinazione dello stesso deve essere intesa in senso tassativo, con riferimento alla valutazione di equipollenza formulata da un atto normativo, e non può essere integrata da valutazioni di tipo sostanziale compiute ex post dall’Amministrazione.

Il Principio sopra statuito poggia sul dovuto riconoscimento in capo all’Amministrazione che indice la procedura selettiva (ferma la definizione del livello del titolo, affidata alla legge o ad altra fonte normativa) di un potere discrezionale nell’individuazione della tipologia del titolo stesso, da esercitare tenendo conto della professionalità e della preparazione culturale richieste per il posto da ricoprire, l’incarico da espletare o il contratto da eseguire.

Peraltro, nelle procedure evidenziali assoggettate alla disciplina dei contratti pubblici, la (necessaria) valorizzazione del canone di equipollenza trova fondamento nel generale divieto di restringere, senza idonea e congrua giustificazione, l’accesso paritario alle commesse pubbliche.


Related Articles

Spese per pubblicazione e diffusione del periodico comunale: i limiti vigenti

Nella Delibera n. 154 del 17 aprile 2019 della Corte dei conti Toscana, un Sindaco ha chiesto un parere riguardante

Vertice su Sicurezza e Immigrazione: occorrono soluzioni comuni per l’Europa e l’Italia

Trovare soluzioni europee comuni per affrontare l’emergenza sbarchi, porre fine alle morti nel Mediterraneo e garantire la protezione a coloro

Imposta sulla pubblicità: non è dovuta per l’esposizione dei contrassegni distintivi sui veicoli adibiti al “servizio di vigilanza privata”

Nell’Ordinanza n. 13636 del 21 maggio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che l’apposizione dei contrassegni

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.