Tosap: occupazione suolo pubblico per le autostrade

Tosap: occupazione suolo pubblico per le autostrade

Nell’Ordinanza n. 19693 del 25 luglio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità sono chiamati ad esprimersi in merito all’applicabilità o meno alle autostrade della Tosap per l’occupazione del suolo pubblico.

La Suprema Corte rileva che, in tema di Tosap, l’esenzione prevista per lo Stato e gli altri Enti dall’art. 49, comma 1, lett. a), del Dlgs. n. 507/93, postula che l’occupazione, quale presupposto del Tributo, sia ascrivibile al soggetto esente, sicché, nel caso di spazi rientranti nel demanio o nel patrimonio indisponibile dello Stato da parte di una Società concessionaria per la realizzazione e la gestione di un’opera pubblica (nella specie, un tratto di rete autostradale inclusiva di una viadotto sopraelevato), alla stessa non spetta l’esenzione in quanto è questa ad eseguire la costruzione dell’opera e la sua gestione economica e funzionale, a nulla rilevando che l’opera sia di proprietà dello Stato, al quale ritornerà la gestione al termine della concessione. Dunque, l’esenzione per lo Stato e gli altri Enti prevede che l’occupazione, quale presupposto del Tributo, sia posta in essere direttamente dal soggetto esente. Quindi, sebbene l’autostrada abbia natura demaniale, la Società concessionaria è obbligata a pagare la Tosap al Comune per l’occupazione del suolo pubblico. In questo caso non si configura l’esenzione disposta in favore dello Stato, che entra in funzione solo se l’occupazione del suolo viene posta direttamente dal soggetto esente e non anche da un suo Concessionario.


Related Articles

Notifica inesistente e insanabile perché effettuata a mezzo di una Società privata

Nella Sentenza n. 3575 del 24 agosto 2015 della Ctr Sicilia, i Giudici statuiscono che l’incaricato di un Servizio di

Convenzione urbanistica: termini di adempimento delle obbligazioni

Nella Sentenza n. 7024 del 13 novembre 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che anche nei casi in

Cauzione provvisoria depositata in misura diversa da quella stabilita nel bando: è ammessa la regolarizzazione

Nella Sentenza n. 833 del 17 dicembre 2016 del Tar Abruzzo, L’Aquila, in applicazione del principio di tassatività delle cause

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.