Tosap: occupazione suolo pubblico per le autostrade

Tosap: occupazione suolo pubblico per le autostrade

Nell’Ordinanza n. 19693 del 25 luglio 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità sono chiamati ad esprimersi in merito all’applicabilità o meno alle autostrade della Tosap per l’occupazione del suolo pubblico.

La Suprema Corte rileva che, in tema di Tosap, l’esenzione prevista per lo Stato e gli altri Enti dall’art. 49, comma 1, lett. a), del Dlgs. n. 507/93, postula che l’occupazione, quale presupposto del Tributo, sia ascrivibile al soggetto esente, sicché, nel caso di spazi rientranti nel demanio o nel patrimonio indisponibile dello Stato da parte di una Società concessionaria per la realizzazione e la gestione di un’opera pubblica (nella specie, un tratto di rete autostradale inclusiva di una viadotto sopraelevato), alla stessa non spetta l’esenzione in quanto è questa ad eseguire la costruzione dell’opera e la sua gestione economica e funzionale, a nulla rilevando che l’opera sia di proprietà dello Stato, al quale ritornerà la gestione al termine della concessione. Dunque, l’esenzione per lo Stato e gli altri Enti prevede che l’occupazione, quale presupposto del Tributo, sia posta in essere direttamente dal soggetto esente. Quindi, sebbene l’autostrada abbia natura demaniale, la Società concessionaria è obbligata a pagare la Tosap al Comune per l’occupazione del suolo pubblico. In questo caso non si configura l’esenzione disposta in favore dello Stato, che entra in funzione solo se l’occupazione del suolo viene posta direttamente dal soggetto esente e non anche da un suo Concessionario.


Related Articles

Edilizia scolastica: al via i finanziamenti a tasso agevolato del “Fondo Kyoto” per l’efficientamento energetico nelle scuole

  E’ aperta dal 25 giugno 2015 la possibilità per gli Enti Locali di contrarre dei mutui a tasso agevolato

“Spending review”: art. 5, comma 5, del Dl. n. 78/10 ricomprende ogni tipo di incarico conferito dalle P.A. senza distinzioni

Nella Delibera n. 126 del 27 aprile 2016 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere avente ad oggetto

Iva: è detraibile se l’Ufficio non dimostra la malafede del cessionario

Nella Sentenza della Ctp. Lecce n. 186/02/15 del 16 gennaio 2015, la controversia è nata da un avviso di accertamento

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.