Trasferimenti erariali: erogato a Comuni, Province e Città metropolitane il 30% del “Fondo per le funzioni fondamentali”

Trasferimenti erariali: erogato a Comuni, Province e Città metropolitane il 30% del “Fondo per le funzioni fondamentali”

E’ stata disposta, in data 29 maggio 2020, l’erogazione del 30% del “Fondo per le funzioni fondamentali degli Enti Locali” di cui all’art. 106 del Dl. n. 34 del 19 maggio 2020 (c.d. “Decreto Rilancio”, vedi Entilocalinews n. 21 del 25 maggio 2020).

Ad annunciarlo, con una Nota pubblicata sul proprio sito istituzionale, è stato il Ministero dell’Interno– Direzione centrale della Finanza locale.

Gli importi erogati in acconto sono pari a un totale di Euro 900 milioni per i Comuni e Euro 150 milioni per Province e Città metropolitane. Le somme spettanti ad ogni singolo Ente sono state stabilite in proporzione alle previste tipologie di entrate al 31 dicembre 2019, risultanti dal Siope (“Sistema informativo sulle operazioni degli Enti pubblici”) e possono essere consultate sul sito della Direzione centrale per la Finanza locale del Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, nella Sezione “Banca dati – pagamenti”.

Ricordiamo che il “Fondo” in parola, che conta su una Dotazione complessiva di Euro 3,5 miliardi (3 per i Comuni e i restanti 500 milioni per gli Enti di area vasta) è stato istituito allo scopo di compensare le ingenti mancate entrate che gli Enti Locali hanno sofferto in conseguenza dell’emergenza sanitaria in corso.

Entro il 30 giugno 2021 sarà eseguita una verifica a consuntivo sull’effettiva perdita di gettito e sull’andamento delle spese, e saranno dunque regolati i rapporti con i vari Comparti mediante eventuali rimodulazioni dell’importo assegnato.

Nel corso di un’Audizione informale sul Disegno di legge di conversione del Dl. n. 34/3030, tenutasi il 28 maggio 2020 presso le Commissioni Bilancio riunite della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, l’Associazione nazionale dei Comuni italiani ha dichiarato che tale importo non copre neanche la metà del reale fabbisogno necessario agli Enti per garantire la prosecuzione dei propri servizi essenziali. Le minori entrate sarebbero state nettamente sottostimate e si aggirerebbero piuttosto intorno agli Euro 8 miliardi.

Il tema è stato oggetto di un vertice ad hoc, tenutosi il medesimo giorno tra Anci e Governo. Stando a quanto riferito dall’Associazione stessa, il confronto si sarebbe concluso con una apertura dell’Esecutivo verso lo stanziamento di ulteriori Euro 3 miliardi da destinare al medesimo “Fondo”. Ciò allo scopo di scongiurare il rischio della paralisi dei servizi, ventilato dai Sindaci delle principali Città italiane in una missiva inviata il 27 maggio 2020 al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte.


Related Articles

Incarichi professionali: non considerati spese di investimento gli oneri per la relazione geologica sulla variante generale al Pdf

Nella Delibera n. 232 del 18 dicembre 2015 della Corte dei conti Molise, il parere in esame consiste nello stabilire

“Spending review” Enti di area vasta: le istruzioni per il versamento del contributo alla finanza pubblica di 516,7 milioni di Euro

Con il Comunicato 28 settembre 2015, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, ha fornito le istruzioni per

“Decreto Scuola”: in sede di conversione, introdotte anche novità che riguardano Sindaci e Presidenti di Province e Città metropolitane

E’ stata pubblicata sulla G.U. del 93 dell’8 aprile 2020 la Legge n. 41 del 6 giugno 2020, di conversione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.