Trasferimenti erariali: rimborso della spesa sostenuta nel 2018 per il personale degli Enti Locali ex Fime e Insud

Trasferimenti erariali: rimborso della spesa sostenuta nel 2018 per il personale degli Enti Locali ex Fime e Insud

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con la Circolare n. 3 del 28 gennaio 2019, ha fornito indicazioni in merito al rimborso della spesa sostenuta nell’anno 2018 per il personale ex Fime e Insud.

Premessa

L’art. 1 della Legge n. 251/1998, stabilisce che il personale dipendente dalle Spa Fime, Fime leasing, Fime factoring e Fimat, a cui non siano state applicate le disposizioni dell’art. 14 del Dlgs. n. 96/93, può essere assunto in Amministrazioni statali anche ad ordinamento autonomo ed in altre Amministrazioni richiedenti o in Enti pubblici non economici nell’ambito dei posti risultanti vacanti a seguito della rideterminazione delle dotazioni organiche sulla base dei carichi di lavoro. Gli oneri derivanti dall’applicazione delle disposizioni della predetta Legge n. 251/1998, sono posti a carico dello Stato, che provvede a rimborsare a favore degli Enti suindicati il costo sostenuto per il pagamento del personale assunto.

Al fine di definire l’onere a carico dello Stato per l’anno 2019, e la conseguente somma da rimborsare, è necessario acquisire dai citati Enti una certificazione dalla quale risulti la spesa sostenuta nell’anno 2018.

Adempimenti degli Enti Locali

Per la definizione e l’erogazione del contributo in oggetto, gli Enti richiedenti devono consegnare i certificati (il cui Modello è allegato alla Circolare stessa), debitamente compilati e sottoscritti, alle Prefetture-Utg competenti per territorio, entro il 1° aprile 2019.

La certificazione può essere:

  • consegnata a mano (in questo caso si considera la data di arrivo);
  • spedita (per la data fa fede il timbro postale);
  • inviata via Pec in formato Pdf recante la firma autografa del Responsabile del Servizio (in questo caso fa fede la data di trasmissione).

I Responsabili del Servizio assumono diretta e personale responsabilità, ai sensi dell’ultimo comma dell’art. 25 del Dl. n. 66/1989, convertito con modificazioni dalla Legge n. 144/89, sulla veridicità e l’esattezza dei dati riportati.

Adempimenti delle Prefetture-Utg

Le Prefetture-Utg raccoglieranno tutte le certificazioni trasmesse dagli Enti richiedenti ed effettueranno un mero controllo formale: dovranno accertare che gli Enti abbiano compilato in tutte le parti il certificato, apposto il timbro e firmato la certificazione. A questo proposito, il Viminale ha evidenziato che non saranno prese in considerazione eventuali certificazioni trasmesse direttamente alla Direzione centrale anziché alla Prefettura-Utg.

Gli Enti che si fossero già mossi in tal senso, dovranno pertanto presentare nuovamente la certificazione attenendosi alle istruzioni della presente Circolare.

Le Prefetture-Utg dovranno inviare al Dicastero, in un unico plico, tutte le certificazioni ricevute entro il 20 maggio 2019.

Sarà compito delle P.A. conservare originali delle certificazioni e dei giustificativi di spesa per 5 anni, da esibire in caso di eventuali controlli a campione.


Related Articles

Ritardi nei pagamenti: in G.U. il saggio d’interesse per il secondo semestre 2015

  E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 165 del 22 luglio 2015 il Comunicato del Ministero dell’Economia e delle Finanze

Compenso Revisori Enti Locali: se il taglio del 10% era stato dettato solo dal Dl. n. 78/2010, per la Corte Toscana può ora essere disapplicato

Nella Delibera n. 76 del 14 novembre 2018 della Corte dei conti Toscana, un Comune ha chiesto un parere avente

Patto di stabilità interno: sanzioni per le violazioni relative agli anni 2013 e 2014

Il 23 febbraio 2017 il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha pubblicato sul proprio sito internet istituzionale, 2 Decreti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.