Trasmissione telematica dei corrispettivi: per la decorrenza dell’eventuale obbligo rileva il volume d’affari dell’anno precedente

Trasmissione telematica dei corrispettivi: per la decorrenza dell’eventuale obbligo rileva il volume d’affari dell’anno precedente

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 209 del 26 giugno 2019, ha fornito un nuovo chiarimento in ordine alla determinazione del volume d’affari, al fine di stabilire la decorrenza dell’obbligo – salvo esoneri soggettivi – di trasmissione telematica dei corrispettivi, se dal 1° luglio 2019 o se dal 1° gennaio 2020.

L’Agenzia ha ricordato che l’art. 2, comma 1, del Dlgs. n. 127/2015, dispone che, “a decorrere dal 1° gennaio 2020 i soggetti che effettuano le operazioni di cui all’art. 22 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, memorizzano elettronicamente e

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Codice della Strada”: no all’uso dei proventi delle sanzioni per il finanziamento di tabelloni con le informazioni sul traffico

Nella Delibera n. 265 del 5 ottobre 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha formulato una richiesta di

Imposta comunale di soggiorno: spetta alla Regione predisporre gli elenchi dei Comuni abilitati ad istituirla

Nella Sentenza n. 647 del 5 maggio 2017 del Tar Toscana, i Giudici si esprimono sull’Imposta comunale di soggiorno, affermando

Società a controllo pubblico: anche in caso di “controllo congiunto” o “controllo plurisoggettivo”?

A pochi mesi di distanza dalle Pronunce della Corte dei conti, sia Sezioni Riunite – Sentenze n. 16 e 17/2019

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.