Tributi locali: adottato dal Mef l’aggiornamento della stima delle capacità fiscali dei Comuni

Tributi locali: adottato dal Mef l’aggiornamento della stima delle capacità fiscali dei Comuni

E’ stato reso noto sul sito web del Dipartimento delle finanze il Decreto Mef 13 maggio 2016, in attesa di pubblicazione in G.U., avente ad oggetto “Integrazione del Decreto 11 marzo 2015 e della Nota metodologica relativa alla procedura di calcolo e aggiornamento della stima delle capacità fiscali per singolo Comune delle Regioni a statuto ordinario.

Il Documento di prassi in analisi integra le disposizioni contenute nel Dm. Mef 11 marzo 2015.

L’articolo unico del Dm. ha disposto che, ai sensi dell’art. 1, comma 380-quater, della Legge n. 228/12, è adottato l’aggiornamento della stima delle capacità fiscali per singolo Comune delle Regioni a statuto ordinario e la Nota metodologica relativa alla procedura di calcolo e alla stima delle capacità fiscali per singolo Comune delle Regioni a statuto ordinario.

Nel dettaglio, l’aggiornamento della Mota metodologica è contenuto nell’Allegato “A”, mentre l’aggiornamento della stima delle capacità fiscali per ogni singolo Comune è riportata nell’Allegato “B”.

I 2 Allegati sopra menzionati tengono conto delle modifiche normative introdotte con la Legge n. 208/15 (“Legge di stabilità 2016”).


Related Articles

“Covid-19”: sì a contanti ed assegni per le somme trasferite dai Comuni a soggetti appartenenti alle categorie più deboli, se privi di conti correnti

I Comuni possono effettuare pagamenti per cassa tramite contanti o assegni circolari in favore dei soggetti appartenenti alle categorie più

Gettone di presenza a Consiglieri comunali: non spetta per la partecipazione alla Conferenza dei Capigruppo

Nella Delibera n. 36 del 2 agosto 2018 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere in

Licenziamento: per la Cassazione è valido se un dipendente pubblico si allontana dall’Ufficio senza timbrare il cartellino

Con la Sentenza n. 25750 del 14 dicembre 2016, la Corte di Cassazione si esprime sul caso di un dipendente