Vaccini Covid, Cauda: “Giusto adesso dare priorità a giovani”

Vaccini Covid, Cauda: “Giusto adesso dare priorità a giovani”

Giusto, in questa fase, dare priorità ai giovani per la vaccinazione contro il Covid, “anche perché le fasce più a rischio, ovvero le persone che nelle passate ondate hanno pagato il tributo più alto in termini sia di decessi sia di ricoveri in terapia intensiva, sono state messe in sicurezza”. Lo ha detto ad ‘Agorà estate’, su Rai Tre, Roberto Cauda, ordinario di Malattie infettive all’Università Cattolica del Sacro Cuore e direttore dell’Unità operativa di Malattie infettive della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma, riferendosi alla possibilità per i ragazzi dai 12 ai 18, da oggi, di poter aderire alla vaccinazione senza prenotazione.  

“Resta ancora qualche milione di italiani al di sopra di 50 anni – ha aggiunto Cauda – che bisognerebbe avvicinare e cercare di convincere a vaccinarsi. Molti reputo che non siano no vax in senso stretto, ma siano solo esitati. In generale la campagna vaccinale in Italia sta andando bene. E adesso rivolgersi ai giovani credo sia una priorità”, ha concluso.  

In merito alla ripresa, dopo l’estate, delle attività e soprattutto delle scuole, rispetto al problema aperto dei trasporti, secondo Cauda “sugli autobus meno persone ci sono e meglio è, anche se questa affermazione sembra una banalità. Bisognerà fare dei conti per calcolare la possibilità di mantenere la distanza adeguata. Ma, soprattutto, dipenderà, in modo molto critico, dall’impiego corretto della mascherina e dal senso di responsabilità delle persone”. 

“Sul fatto che le mascherine funzionino – ha continuato – abbiamo una prova indiretta. Lo scorso anno non abbiamo avuto quegli 8 milioni di casi di influenza che vedevamo tutti gli anni. Ora quello delll’influenza è un virus diverso da quello del Covid, ma le modalità di trasmissione sono identiche e la modalità di prevenzione lo stesso”.  

Per Cauda dunque, “al di là di quello che può essere un numero stabilito per la capienza degli autobus, che può essere aggirabile perché magari non ci sono i controlli, l’importante è il senso di responsabilità delle persone e, al tempo stesso, l’incremento della campagna vaccinale. Il rischio dei vaccinati di contrarre l’infezione è minimo”.  

 


Related Articles

Calcio: Wenger (Fifa), ‘segnalazione automatica fuorigioco possibile da Qatar 2022’

Segnalazione automatica del fuorigioco a partire dal mondiale in Qatar del 2022. E’ quanto anticipa Arsène Wenger, l’ex tecnico dell’Arsenal

Zerocalcare, dopo il dialetto polemiche su bandiera Pkk

Dopo le critiche per il dialetto romano, per alcuni utenti, soprattutto settentrionali, incomprensibile senza sottotitoli, le polemiche su Zerocalcare e

Superbonus: prezzo ponteggi oltre il 400%, Polonia (Anp), ‘problema creato dallo Stato’

L’aumento del prezzo dei ponteggi per costruire o ristrutturare gli immobili ha superato il 400%. A denunciarlo all’Adnkronos è Claudio

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.