Vice-Presidente di un Consorzio: non sempre può essere Pubblico Ufficiale

Vice-Presidente di un Consorzio: non sempre può essere Pubblico Ufficiale

Nella Sentenza n. 55382 del 12 dicembre 2017 della Corte di Cassazione, il Vice-Presidente di un Consorzio a capitale interamente pubblico e avente come oggetto sociale la gestione di Servizi idrici, veniva accusato del reato di concussione per avere, nella sua qualità di Pubblico Ufficiale, costretto un dipendente dello stesso Consorzio a versargli la somma di 2.200 Euro in contanti, per evitare che quest’ultimo fosse licenziato. Dunque, di fronte ad un procedimento disciplinare che pendeva nei confronti del dipendente, il Vice-Presidente aveva offerto la possibilità di un suo intervento risolutivo in cambio della somma di denaro. La Suprema Corte rileva

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimenti erariali: in G.U. le modalità di pagamento dei contributi dovuti dagli Enti Locali all’Aran

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 19 del 24 gennaio 2014 il Decreto interministeriale 27 novembre 2013, recante “Modalità di

“Pcc”: disponibile la funzione per la ridefinizione dei crediti commerciali

Con un Comunicato pubblicato il 19 novembre 2014 sul portale “Piattaforma certificazioni crediti”, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha

“Riforma Madia”: dalla dotazione organica al fabbisogno di personale, con il divieto di stipula di contratti di collaborazione “ordinaria”

Con il Dlgs. n. 75/17 (Decreto attuativo della Legge-delega n. 124/15, in vigore dal 22 giugno 2017) sono state apportate