Vice-Presidente di un Consorzio: non sempre può essere Pubblico Ufficiale

Vice-Presidente di un Consorzio: non sempre può essere Pubblico Ufficiale

Nella Sentenza n. 55382 del 12 dicembre 2017 della Corte di Cassazione, il Vice-Presidente di un Consorzio a capitale interamente pubblico e avente come oggetto sociale la gestione di Servizi idrici, veniva accusato del reato di concussione per avere, nella sua qualità di Pubblico Ufficiale, costretto un dipendente dello stesso Consorzio a versargli la somma di 2.200 Euro in contanti, per evitare che quest’ultimo fosse licenziato. Dunque, di fronte ad un procedimento disciplinare che pendeva nei confronti del dipendente, il Vice-Presidente aveva offerto la possibilità di un suo intervento risolutivo in cambio della somma di denaro. La Suprema Corte rileva

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Rettifiche alla detrazione Iva nel caso di acquisto di beni in leasing: rileva la data di esercizio del diritto di acquisto

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 3 del 17 settembre 2018, pubblicata nella nuova Sezione del

Trasferimento contanti: in vigore dal 1° luglio 2020 la nuova soglia di 2.000 Euro

A partire dal 1° luglio 2020, il divieto di trasferimento del denaro contante e di titoli al portatore, sia in

Compensi dei componenti del Cda di una Fondazione

Nella Delibera n. 52 del 22 febbraio 2019 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco chiede un parere sull’art. 6,