“Visto di conformità”: le istruzioni delle Entrate per compensare crediti superiori a 15.000 Euro

“Visto di conformità”: le istruzioni delle Entrate per compensare crediti superiori a 15.000 Euro

Con la Circolare n. 28/E del 25 settembre 2014 l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema del “visto di conformità” nel caso in cui si compensino crediti superiori  15.000 Euro relativi a Imposte sui redditi e addizionali, ritenute alla fonte, imposte sostitutive di quelle sul reddito e Irap.

L’Agenzia ha sottolineato che possono apporre il visto di conformità i responsabili dell’assistenza dei Caf-imprese, Caf-dipendenti (per i contribuenti per i quali svolgono assistenza fiscale) e gli iscritti agli albi dei Dottori commercialisti, degli esperti contabili e dei consulenti del lavoro.

Per quanto riguarda gli Enti Locali e le Regioni, è sufficiente la sottoscrizione da parte del Collegio dei Revisori.


Tags assigned to this article:
Agenzia entrateconformitàvisto

Related Articles

Ambito soggettivo dell’obbligo di fattura elettronica: il Mef fa chiarezza

A pochi giorni dall’avvio dell’obbligo della fattura elettronica verso le Pubblica Amministrazioni diverse da quelle centrali, che sono partite il

Comunicazioni dei dati delle fatture e delle liquidazioni periodiche Iva: definite tutte le regole e i termini per la trasmissione telematica

Con il Provvedimento 27 marzo 2017, l’Agenzia delle Entrate ha finalmente reso note tutte le regole e i termini per

“Fatturazione elettronica”: l’Inps definisce il proprio modello organizzativo e la strategia di adeguamento

Come noto, il “Decreto Irpef” (Dl. n. 66/14) ha impresso un’accelerazione verso l’entrata a regime della “fatturazione elettronica” di cui