“Visto di conformità”: le istruzioni delle Entrate per compensare crediti superiori a 15.000 Euro

“Visto di conformità”: le istruzioni delle Entrate per compensare crediti superiori a 15.000 Euro

Con la Circolare n. 28/E del 25 settembre 2014 l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema del “visto di conformità” nel caso in cui si compensino crediti superiori  15.000 Euro relativi a Imposte sui redditi e addizionali, ritenute alla fonte, imposte sostitutive di quelle sul reddito e Irap.

L’Agenzia ha sottolineato che possono apporre il visto di conformità i responsabili dell’assistenza dei Caf-imprese, Caf-dipendenti (per i contribuenti per i quali svolgono assistenza fiscale) e gli iscritti agli albi dei Dottori commercialisti, degli esperti contabili e dei consulenti del lavoro.

Per quanto riguarda gli Enti Locali e le Regioni, è sufficiente la sottoscrizione da parte del Collegio dei Revisori.


Tags assigned to this article:
Agenzia entrateconformitàvisto

Related Articles

Iva: soggette le somme dovute ad una Società a titolo di rimborso spese per inadempienza contrattuale in base ad un accordo conciliativo

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 386 del 22 settembre 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

Cassazione: sono utilizzabili i questionari inviati dalle Entrate se non presentati perché in possesso dell’Inps

Nella Sentenza n. 22946 del 29 ottobre 2014 la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate,

Contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili: la disciplina fiscale

L’Agenzia delle Entrate, Direzione centrale Normativa, con la Circolare n. 4/E del 19 febbraio 2015, ha fornito indicazioni sulla corretta