Appalti e Lavori pubblici: le istruzioni per la trasmissione all’Anac delle varianti in corso d’opera

L’Autorità nazionale Anticorruzione (Anac), ha diffuso sul proprio sito e su quello dell’Avcp (Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, recentemente confluita nella citata Anac), il Comunicato del Presidente 16 luglio 2014 relativo alla trasmissione delle varianti in corso d’opera.
Ricordiamo che l’art. 37 del Decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90 (c.d. “Decreto P.A.”) aveva previsto che le varianti in corso d’opera fossero ammissibili solo:
– per cause impreviste e imprevedibili o per l’intervenuta possibilità di utilizzare materiali, componenti e tecnologie non esistenti al momento della progettazione che possono determinare, senza aumento di costo, significativi miglioramenti nella qualità dell’opera o di sue parti,
– per la presenza di eventi inerenti alla natura e alla specificità dei beni sui quali si interviene verificatisi in corso d’opera, o di rinvenimenti imprevisti o non prevedibili nella fase progettuale,
– per difficoltà di esecuzione derivanti da cause geologiche, idriche e simili, non previste dalle parti, che rendano notevolmente più onerosa la prestazione dell’appaltatore.
La norma ha inoltre stabilito che tali varianti debbano essere trasmesse da parte della stazione appaltante, entro 30 giorni dall’approvazione, unitamente al Progetto esecutivo, all’atto di validazione e ad apposita relazione del Responsabile del procedimento, all’Anac per le valutazioni e gli eventuali provvedimenti di competenza.
Con il Comunicato appena diffuso, l’Autorità ha precisato che le stazioni appaltanti sono invitate a trasmettere all’Autorità (indicando il “Cig” ove non riportato nei seguenti atti), per ciascuna variante in corso d’opera, i seguenti atti:
Relazione del Responsabile del procedimento;
Quadro comparativo di variante;
Atto di validazione;
Provvedimento definitivo di approvazione.
La trasmissione dovrà riguardare le varianti approvate a decorrere dal 25 giugno 2014 (data di entrata in vigore del Dl. n. 90/14) e avvenire utilizzando “ove possibile” la Pec all’indirizzo protocollo@pec.avcp.it (oggetto: “Trasmissione all’Anac delle varianti in corso d’opera ex art. 37 del Dl. n. 90/14 – cig. appalto n.”) entro il termine di 30 giorni, previsto dalla norma, a decorrere dall’approvazione da parte della stazione appaltante. In alternativa, si potrà fare ricorso alla posta ordinaria, inviandola all’Anac, Via di Ripetta, 246, 00186, Roma.


Tags assigned to this article:
anacappalti

Related Articles

Opere pubbliche: al via l’Anagrafe unica delle stazioni appaltanti, reso disponibile il “Manuale utente”

Con il Comunicato 10 gennaio 2014, pubblicato sul proprio sito istituzionale, l’Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici di lavori,

Durc e autocertificazione: non si applica l’invito alla regolarizzazione e la verifica va effettuata alla data della dichiarazione

Tar Sicilia, Palermo, Sezione III, Sentenza n. 660 del 12 marzo 2015 La procedura di regolarizzazione contributiva prevista dall’art. 7,

Cauzione di importo dimezzato: illegittima l’esclusione dalla gara

Nel Parere n. 65 del 28 aprile 2015, l’Anac afferma che è illegittima la scelta della stazione appaltante di escludere

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.