“Art-Bonus”: chiarimenti delle Entrate sul credito d’imposta per le erogazioni liberali destinate al patrimonio culturale pubblico

“Art-Bonus”: chiarimenti delle Entrate sul credito d’imposta per le erogazioni liberali destinate al patrimonio culturale pubblico

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 87/E del 15 ottobre 2015, ha fornito chiarimenti in merito all’ambito oggettivo di applicazione del regime fiscale agevolato introdotto dall’art. 1, del Dl. n. 83/14, convertito con modificazioni dalla Legge n. 106/14 (c.d. “Decreto Cultura”), per favorire le erogazioni liberali in denaro a sostegno della Cultura.

Il regime di agevolazione consiste nel riconoscimento di un credito d’imposta (c.d. “Art-Bonus”) per le erogazioni liberali in denaro effettuate nei 3 periodi d’imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2013 a sostegno della cultura e dello spettacolo.

Il quesito oggetto

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Gruppi consiliari degli Enti Locali: possono sostenere esclusivamente spese riconducibili alla loro attività

Nella Delibera n. 106 dell’8 novembre 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, il parere ha ad oggetto il corretto

Fatturazione elettronica: è possibile esigere che i fornitori valorizzino i campi dedicati a Cig e Cup?

Il testo del quesito: “In tema di fatturazione elettronica, se ho capito bene, la mancata indicazione in fattura dell’impegno di

Incarichi: l’onorario di un libero professionista che è anche dipendente pubblico è soggetto sia al contributo Inps che a quello Inarcassa?

Il quesito: “Il Comune ha affidato un incarico ad un Ingegnere che svolge la professione ed è contemporaneamente dipendente part-time