Atti amministrativi: accordo tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l’Accademia della Crusca per abbattere il burocratese

Atti amministrativi: accordo tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l’Accademia della Crusca per abbattere il burocratese

Con un Comunicato pubblicato sul proprio sito web istituzionale, il Ministero della Pubblica Amministrazione ha dato notizia dell’avvio di un’Intesa con l’Accademia della Crusca di Firenze finalizzata a favorire l’uso di un linguaggio comprensibile negli atti e nei documenti della Pubblica Amministrazione.

La ratifica dell’Accordo tra il Ministro della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, e il Presidente dell’Accademia della Crusca di Firenze, Claudio Marazzini, è volta ad introdurre un buon uso della lingua italiana nella comunicazione tra Pubblica Amministrazione e cittadini, rendendo così maggiormente comprensibili e meno burocratici gli atti, i documenti e la corrispondenza della P.A.

L’Accordo ha come obiettivo la realizzazione di alcuni studi e ricerche sull’uso della lingua italiana nelle Pubbliche Amministrazioni, organizzare, anche in collaborazione con altri Enti, corsi di aggiornamento, elaborare suggerimenti in tema di semplificazione, chiarezza e omogeneità dei testi.

L’importante è riavvicinare i cittadini al linguaggio complicato dei documenti dei cosiddetti ‘burocrati’”, ha così affermato davanti ai Media il Ministro Dadone, ricordando che l’Accordo ha valenza biennale ed è rinnovabile, prevendo anche “l’attivazione di un Gruppo di lavoro che dia consulenze a chi lavora nella Pubblica Amministrazione, per riuscire ad aiutare i cittadini a capire gli atti”.


Related Articles

Professionisti forfettari: le nuove norme su requisiti di accesso e cause di esclusione non contrastano con lo “Statuto del contribuente”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione all’Istanza di Interpello n. 7/E dell’11 febbraio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine alle

Rappresentanti del Comune che ha trascurato di esercitare diritti di socio: competenza sulla responsabilità è della giurisdizione contabile

Nota a Cassazione S.U. n. 4132 del 12 febbraio 2019   Il Sindaco, alcuni Consiglieri comunali e un Dirigente di

“Fondo risorse decentrate” anni 2000-2010: modalità di recupero delle somme stanziate in eccesso

  Nella Delibera n. 6 del 27 gennaio 2016 della Corte dei conti Toscana, la richiesta di parere riguarda numerosi

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.