Bilancio di previsione 2018 Enti Locali: approvato il Modello per la certificazione

Bilancio di previsione 2018 Enti Locali: approvato il Modello per la certificazione

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 219 del 20 settembre 2018 il Decreto 11 settembre 2018 del Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, relativo alla certificazione del bilancio di previsione 2018 di Province, Comuni, Città metropolitane, Comunità montane e Unioni di Comuni.

I Modelli da utilizzare sono consultabili sul sito della Direzione centrale e dovranno essere trasmessi entro il 15 novembre 2018. Come specificato dall’art. 1, comma 3, gli Enti Locali devono compilare e trasmettere la certificazione relativa al nuovo schema del bilancio di previsione armonizzato, ai sensi dell’art. 11 del Dlgs. n. 118/2011, come integrato e modificato dal Dlgs. n. 126/14.

L’unica modalità di trasmissione ammessa è la Posta elettronica certificata, da inviare all’indirizzo finanzalocale.prot@pec.interno.it, allegando:

  • il file contenente i dati del certificato firmato digitalmente in formato xml;
  • il file, anch’esso in formato xml, con le informazioni riguardanti il tipo di certificato (certificato preventivo o certificato al rendiconto), l’anno a cui si riferisce, il tipo di Modello identificato con “X” per il certificato in argomento e i dati identificativi dei soggetti referenti per la trasmissione del certificato, vale a dire il Segretario dell’Ente e/o il Responsabile del “Servizio Finanziario”.

Gli Enti useranno, per l’invio del certificato, le credenziali informatiche (userid e password) già richieste e ricevute in occasione delle precedenti certificazioni. La certificazione dovrà essere sottoscritta, con firma digitale, dal Segretario, dal Responsabile del “Servizio Finanziario” e dall’Organo di revisione.

La conferma del buon esito della trasmissione o un eventuale messaggio di errore perverranno a seguito dell’invio nella casella di Pec usata per trasmettere la certificazione. I dati finanziari devono essere espressi in Euro con 2 cifre decimali, senza arrotondamenti.


Related Articles

Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri: diffuse le modifiche alle disposizioni attuative

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 18 aprile 2020, ha rivisto le disposizioni normative introdotte dal Provvedimento n. 182017/2016, in

Debiti fuori bilancio: anche in caso di dissesto, non si può prescindere dal formale riconoscimento da parte dell’Organo consiliare

Nella Delibera n. 124 del 17 giugno 2019 della Corte dei conti Sicilia, un Comune in stato di dissesto premette

Tarsu: onere della prova relativa alle superfici per le quali non è dovuta grava su chi ritiene di aver diritto all’esenzione

Nella Sentenza n. 5972 del 25 marzo 2015, la Corte di Cassazione si esprime in materia di Tarsu, osservando che

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.