Cassa DD.PP.: le istruzioni per aderire alla rinegoziazione dei mutui contratti da Province e Città metropolitane       

Cassa DD.PP.: le istruzioni per aderire alla rinegoziazione dei mutui contratti da Province e Città metropolitane       

Cassa Depositi e Prestiti ha diffuso sul proprio sito istituzionale la Circolare n. 1286 del 13 aprile 2016, recante le istruzioni per l’adesione e per il perfezionamento dell’operazione di rinegoziazione dei mutui contratti da Province e Città metropolitane.

L’operazione, come già evidenziato nel Comunicato Cassa DD.PP. 5 aprile 2016, rientra tra le iniziative per la gestione attiva del debito messe in campo, già lo scorso anno, per facilitare il processo di trasferimento delle funzioni avviato con la riforma delle Province e delle Città metropolitane (Legge n. 56/2014, c.d. “Legge Delrio”).

Si riepilogano le caratteristiche principali dell’operazione.

Affinché possano essere rinegoziati, i prestiti devono avere le seguenti caratteristiche:

  • essere ordinari a tasso fisso, variabile e flessibili con ammortamento interamente a proprio carico, eventualmente oggetto di precedenti operazioni di rinegoziazione, con le eccezioni previste nella Circolare Cassa DD.PP. n. 1286;
  • avere un importo di debito residuo (al 1° gennaio 2016) di almeno 10.000 Euro su ogni singola posizione.

L’operazione prevede il pagamento, alla data del 31 dicembre 2016 o 31 gennaio 2017 (a scelta dell’Ente), della sola quota interessi relativa all’anno 2016.

Le P.A. che intendono aderire dovranno accedere all’applicativo web all’interno del Portale dei Finanziamenti utilizzando le credenziali già in uso per l’Accesso alle “Aree Utenti” o registrarsi attraverso l’apposito Modulo.

La Circolare fissa al 4 maggio 2016 il termine ultimo per poter completare la prima fare della richiesta, relativa alla scelta delle condizioni (selezionare i prestiti da rinegoziare, indicare la scadenza, prendere visione e accettare le condizioni applicate da Cassa DD.PP., ecc.).

Entro l’11 maggio 2016 dovranno poi essere trasmesse a Cassa Depositi e Prestiti:

  • le proposte contrattuali e l’elenco dei “Prestiti originari” che l’Ente intende rinegoziare (entrambi firmati digitalmente);
  • la determinazione a contrattare, con gli estremi della Delibera consiliare che approva l’operazione di rinegoziazione, esecutiva a tutti gli effetti di legge e firmata digitalmente dai soggetti incaricati di rilasciare i pareri di regolarità contabile di cui agli artt. 147-bis e 183 del Tuel;
  • il Modulo per l’attestazione dei poteri di firma del sottoscrittore del contratto, corredato da una copia del suo documento identificativo firmato digitalmente.

Sempre entro l’11 maggio 2016 dovrà inoltre pervenire, in forma cartacea e in originale, presso la sede di Cassa DD.PP. (presso Area “Enti Pubblici”, Via Goito, 4, Roma, specificando “Rinegoziazione Province 2016”), la delegazione di pagamento relativa a ciascun prestito, completa della relata di notifica al Tesoriere del’Ente e firmata dal messo notificatore.

Circolare Cassa DD.PP.


Related Articles

Deficitarietà strutturale: il Viminale pubblica l’Elenco degli Enti tenuti ad inviare le certificazioni per la dimostrazione del costo dei servizi 2018

Con il Comunicato pubblicato il 14 giugno 2019 sul proprio sito istituzionale, il Ministero dell’Interno ha reso noti gli Elenchi

Accordo-quadro: necessità di programmazione e modalità di finanziamento

Nella Delibera n. 77/2018 della Corte dei conti Campania, un Comune intende concludere un accordo-quadro “ai sensi dell’art.54 del Dlgs.

Notifica degli avvisi di accertamento a mezzo Pec: è necessario usare la firma digitale sul pdf ?

Il testo del quesito: “Al Settore ‘Tributi’ del Comune abbiamo una divergenza di opinioni in merito alla notifica degli avvisi