Debiti fuori bilancio: obbligatorio riconoscerli nei termini per Comuni che si avviano verso riequilibrio finanziario

Debiti fuori bilancio: obbligatorio riconoscerli nei termini per Comuni che si avviano verso riequilibrio finanziario

Nella Delibera n. 114 del 22 dicembre 2014 della Corte dei conti Basilicata un Comune, premettendo di aver aderito nel novembre 2014 alla “Piano di riequilibrio finanziario pluriennale”, ai sensi dell’art. 243-bisdel Tuel, e di non aver ancora approvato il relativo Piano, chiede di sapere se, nelle more della sua approvazione da parte dell’Organo consiliare, sussista in capo a quest’ultimo l’obbligo di riconoscere entro il 31 dicembre 2014 i debiti fuori bilancio rivenienti da Sentenze  e/o da acquisizioni di beni e servizi in violazione degli obblighi contabili, ai sensi dell’art. 194 del Tuel, pur non avendo la possibilità di copertura finanziaria sul bilancio di previsione corrente e considerato che la massa debitoria stimata troverà copertura nelle entrate previste nelle varie annualità del Piano stesso.

La Sezione afferma che, in presenza di debiti fuori bilancio riconoscibili ai sensi dell’art. 194 del Tuel, l’Ente non ha la facoltà bensì l’obbligo di procedere tempestivamente al riconoscimento e, quindi, all’inclusione di tali debiti nel proprio sistema di bilancio, e ciò secondo le prescrizioni e i termini previsti dal vigente sistema giuscontabile.

A tale fine, nel caso in cui le misure previste ai sensi del combinato disposto degli artt. 194 e 193 del Tuel dovessero risultare insufficienti, l’Ente, anche al fine di evitare la situazione di dissesto di cui all’art. 244 del Tuel, potrà ricorrere, sussistendone i presupposti, al “Piano di riequilibrio pluriennale” di cui all’art. 243-bis del Tuel, beneficiando delle misure previste a tale scopo. Presupposto essenziale per ricorrere a tale strumento è la preliminare ricognizione complessiva dell’effettiva situazione debitoria dell’Ente, comprensiva di tutta la massa debitoria sommersa riconoscibile ai sensi dell’art. 194  del Tuel. In caso contrario, oltre a violare lo specifico disposto di cui all’art. 243-bis del Tuel, si altererebbe l’attendibilità complessiva del Piano, con tutte le conseguenze a questo connesse anche in termini di sussistenza dei presupposti per la sua approvazione da parte degli Organi competenti.



Related Articles

Imposta di bollo: esenti le quietanze di sanzioni amministrative per violazioni diverse dal “Codice della Strada”

Con Risposta n. 330 del 10 settembre 2020 e Risposta n. 340 dell’11 settembre 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fornito

Trasferimenti erariali: assegnati 81.300 Euro ai Comuni fino a 1.000 abitanti per messa in sicurezza Scuole, strade ed edifici pubblici

E’ stato diffuso, il 1° febbraio 2021 sul sito istituzionale del Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, il testo del

Pubblico impiego: non c’è demansionamento se non muta l’area professionale ma solo i compiti

Nella Sentenza n. 2011 del 26 gennaio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che nel pubblico