Edilizia: agibilità

Edilizia: agibilità

Nella Sentenza n. 3836 del 17 maggio 2021 del Consiglio di Stato, i Giudici rilevano che il termine “agibilità” è stato impiegato dal Legislatore in accezioni diverse e non sempre coincidenti. L’agibilità disciplinata dal Dpr. n. 380/2001 non si identifica completamente con il “vecchio” certificato di abitabilità previsto dal Testo unico delle leggi sanitarie, in quanto presuppone una serie di valutazioni ulteriori. Di ciò è prova nell’art. 26, del Dpr. n. 380/2001 che ancora oggi consente al Sindaco di intervenire dichiarando la inabitabilità di un immobile, già certificato come agibile, ai sensi dell’art. 222 del Tuls. Altro è infatti la strutturale conformità del fabbricato a tutti i requisiti richiesti e, in parte, assorbiti nella conformità al titolo edilizio in forza del quale è stato realizzato, altro la sua (sopravvenuta) carenza di requisiti igienici tale da non consentirne l’occupazione a fini abitativi. Peraltro, l’illiceità dell’immobile sotto il profilo urbanistico-edilizio non può essere in alcun modo sanata dal conseguimento della sua agibilità, quand’anche formalmente sopravvenuto. La mancanza dei requisiti di regolarità dell’intervento non consente che possa decorrere il termine per la maturazione del “silenzio assenso”, identificandosi piuttosto l’istituto in una sorta di legittimazione ex lege ad utilizzare l’immobile in conformità con la sua destinazione d’uso, che prescinde dalla pronuncia della Pubblica Amministrazione e che trova il suo fondamento nella effettiva sussistenza dei presupposti richiesti dalla legge per il rilascio del titolo. Ciò trova conferma nella sua attuale disciplina, contenuta nel Dlgs. n. 222/2016, che ha sostituito il regime della Scia a quello originario di silenzio assenso, includendo chiaramente nella norma definitoria la “conformità dell’opera al progetto presentato” tra le cose che il tecnico deve assicurare all’atto della presentazione della dichiarazione, unitamente peraltro alla sua “agibilità”. Quindi, non solo non è ipotizzabile il conseguimento di agibilità di un immobile in contrasto con la disciplina urbanistica, ma lo stesso non impedirebbe comunque l’attivazione dei doverosi poteri sanzionatori del Comune in relazione ai compiti di vigilanza sul territorio che gli sono attribuiti. Quanto detto anche laddove la violazione si concretizzi nell’inadempienza ad una clausola di convenzione accessiva ad un piano attuativo in sanatoria, in ragione del convergere della stessa nel contenuto del titolo edilizio legittimante l’intervento. 


Related Articles

Rtp: la mandataria deve possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria

Delibera n. 499 del 23 giugno 2021 Una Società, mandataria di un costituendo Rtp con Studio Associato (mandante), ha contestato

Oneri di urbanizzazione e proventi da alienazione di immobili: possibilità di utilizzarli per finanziare spese correnti

Nella Delibera n. 81 del 23 marzo 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Comune chiede un parere riguardante la

“Legge di bilancio 2018”: l’Agenzia delle Entrate fa il punto sulle misure fiscali previste per l’anno in corso

L’Agenzia delle Entrate ha diffuso nei giorni scorsi sul proprio sito internet istituzionale delle schede di sintesi che riassumono le

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.