Ici: il Regolamento comunale può prevedere un termine di decadenza quinquennale

Ici: il Regolamento comunale può prevedere un termine di decadenza quinquennale

Nella Sentenza n. 19343 del 18 luglio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si sono pronunciati in merito al termine di decadenza per la notifica dell’avviso di accertamento. In proposito, l’art. 59, comma 1, lett. I), del Dlgs. n. 446/1997, stabilisce che, in materia di Ici, i Comuni possono con Regolamento determinare un termine di decadenza, comunque non oltre il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello cui si riferisce l’imposizione, entro il quale deve essere notificato al contribuente l’avviso di accertamento per omesso, parziale o tardivo versamento con la liquidazione dell’Imposta o maggiore Imposta dovuta, delle sanzioni e degli interessi. Secondo la Suprema Corte, si tratta di una norma che non ha previsto una proroga in genere dei termini di scadenza ma che ha facoltizzato i Comuni a stabilire con Regolamento termini più lunghi di quello triennale previsto in via generale dall’art. 11 del Dlgs. n. 504/1992, purché contenuti entro il limite massimo del quinquennio.


Related Articles

Comunicazione ed informazione Antimafia: non necessarie se l’impresa è iscritta alle “White list”

Nella Sentenza n. 1182 del 20 febbraio 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che il diniego di iscrizione

Revisori Enti Locali: la Corte Puglia conferma l’applicazione della riduzione del 10%

Nella Delibera n. 148 del 23 luglio 2015 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha chiesto se la riduzione

Appalti di servizio: differenza con gli incarichi di collaborazione, consulenza, studio e ricerca

Nella Delibera n. 241 del 29 novembre 2021 della Corte dei conti Emilia Romagna, la Sezione ha elaborato le “Linee-guida

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.