“Imu”: pubblicate le Faq del Mef sul versamento dell’acconto 2021

“Imu”: pubblicate le Faq del Mef sul versamento dell’acconto 2021

Sono state pubblicate sul sito web istituzionale del Mef-Dipartimento Finanze, le Faq 8 giugno 2021 relative all’obbligo dichiarativo in scadenza il prossimo 30 giugno 2021 e sul versamento dell’acconto.

Faq n. 1

Si chiede se i soggetti esonerati dal versamento dell’Imposta municipale propria (Imu) nel corso del 2020 in base ai vari Decreti connessi all’emergenza ‘Covid-19’ siano tenuti alla compilazione della Dichiarazione Imu 2021 per l’anno 2020. Nel caso affermativo si chiede quali siano le modalità di compilazione del Modello.

Risposta

In generale, riguardo all’obbligo dichiarativo, il Mef ricorda che, in base all’art. 1, comma 769, della Legge n. 160/2019, la Dichiarazione è dovuta nei casi in cui “si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’Imposta dovuta” e comunque in tutti i casi in cui il Comune non è a conoscenza delle informazioni utili per verificare il corretto adempimento dell’Imposta, come nelle ipotesi delle esenzioni previste a seguito dell’emergenza sanitaria in atto. Pertanto, i soggetti passivi, anche in quest’ultimo caso, dovranno presentare la Dichiarazione, barrando la casella “Esenzione”. 

L’obbligo dichiarativo però non sussiste quando l’esenzione viene meno in quanto il periodo di durata è conosciuto dai Comuni. Tuttavia, rimane comunque l’obbligo di presentazione annuale per gli Enti non commerciali, previsto dall’art. 1, comma 759, lett. g), della Legge n. 160/2019.

Faq n. 2

Si chiede conferma che il calcolo dell’Imposta municipale propria (Imu) per l’anno 2021, separatamente per acconto e saldo, si debba effettuare in base alle effettive condizioni soggettive e oggettive dell’immobile intervenute nel corso del primo e del secondo semestre e non come 50% dell’Imposta annua”.

Risposta
Il Mef conferma che l’importo da versare deve essere calcolato proporzionalmente alla quota e ai mesi dell’anno nei quali si è protratto il possesso. A titolo esemplificativo, per un immobile acquistato il 1° giugno 2021, la prima rata dell’Imu deve essere proporzionata a 1 mese di possesso e non deve essere parametrata al 50% del calcolo dell’Imposta effettuato su 7 mesi.


Related Articles

“Siope+”: in vigore dal 1° aprile 2018 la nuova versione delle regole tecniche

A partire dal 1° aprile 2018 entreranno in vigore le regole tecniche versione 1.2.4 del “Siope+”, che consentono di specificare

Ici: la disciplina delle pertinenze e la disapplicazione delle sanzioni

Nella Sentenza n. 13918 del 31 maggio 2018, la Corte di Cassazione ha chiarito i profili di applicazione della disciplina

Controversia tra Consorzio di bonifica e gestore del “Servizio idrico integrato”: la giurisdizione è del Giudice ordinario

Nella Sentenza n. 3720 del 30 agosto, del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici affermano che la controversia relativa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.