Incarichi esterni: la Corte calabrese sanziona la mancata pubblicazione sul web

Incarichi esterni: la Corte calabrese sanziona la mancata pubblicazione sul web

Il Segretario generale, due Dirigenti e un componente della Commissione straordinaria di un Comune calabrese sono stati evocati in giudizio dalla Procura regionale relativamente al danno causato dalla parziale comunicazione all’Anagrafe delle prestazioni degli incarichi conferiti o autorizzati ai propri dipendenti e per l’omissione della pubblicazione sul sito web degli incarichi di collaborazione esterna e/o di consulenza. La Corte dei conti Calabria, con la Sentenza n. 192/14, ha osservato che l’art. 1, comma 127 della Legge n. 662/96, come modificato dall’art. 3, comma 54, della Legge n. 244/07 (nel testo vigente fino ai fatti di causa), individua il fatto costitutivo della responsabilità erariale non nella omessa comunicazione o pubblicazione bensì nell’aver proceduto, da parte del Dirigente preposto, alla liquidazione del corrispettivo in caso di omessa pubblicazione. Infatti, i pochi precedenti giurisprudenziali affermano la responsabilità erariale solo del soggetto che ha liquidato la spesa. La corretta individuazione della condotta imputabile porta ad escludere la responsabilità del Segretario comunale e del Dirigente dell’Ufficio personale che sono certamente restate estranee al procedimento di liquidazione della spesa. Alle medesime conclusioni la Corte giunge anche per quanto riguarda i soggetti che hanno conferito gli incarichi, considerato che nella citazione nessun riferimento è contenuto alla liquidazione del corrispettivo né è individuato l’autore, poiché la contestazione mossa è sempre quella di non aver adempiuto agli obblighi di comunicazione e pubblicazione. Pertanto la Sezione statuisce che la responsabilità erariale va individuata nell’aver proceduto alla liquidazione del corrispettivo in caso di omessa comunicazione o pubblicazione. Inoltre la previsione contenuta nell’art. 1, comma 127, della Legge n. 662/96 descrive una responsabilità erariale per la cui sussistenza è necessaria la dimostrazione di tutti gli elementi, oggettivi e soggettivi, ed in primo luogo il danno erariale.


Tags assigned to this article:
CalabriaCorte dei contiincarichi

Related Articles

“Jobs Act”: verso i controlli a distanza sui lavoratori?

Arriva all’improvviso il via libera ai controlli a distanza sui dipendenti tramite computer, cellulari, tablet e telecamere. Gli scambi di

Cassazione: il Sindaco si deve astenere dallo svolgere la propria professione in conflitto con il proprio mandato

Nella Sentenza n. 14764 del 19 luglio 2016 della Corte di Cassazione, è stato respinto il ricorso di un Sindaco

Rimborso delle spese legali ai dipendenti comunali

Nella Delibera n. 170 del 20 novembre 2017 della Corte dei conti Emilia Romagna, un Sindaco ha chiesto un parere