Informativa Antimafia: rilevanza dei fatti risalenti nel tempo

Informativa Antimafia: rilevanza dei fatti risalenti nel tempo

Nella Sentenza n. 2 del 2 gennaio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che i fatti sui quali si fonda l’Interdittiva Antimafia possono anche essere risalenti nel tempo nel caso in cui vadano a comporre un quadro indiziario complessivo, dal quale possa ritenersi attendibile l’esistenza di un condizionamento da parte della criminalità organizzata. Peraltro, i Giudici precisano che il mero decorso del tempo, di per sé solo, non implica la perdita del requisito dell’attualità del tentativo di infiltrazione mafiosa e la conseguente decadenza delle vicende descritte in un atto interdittivo, né l’inutilizzabilità di queste ultime quale materiale istruttorio per un nuovo provvedimento, donde l’irrilevanza della “risalenza” dei dati considerati ai fini della rimozione della disposta misura ostativa, occorrendo, piuttosto, che vi siano tanto fatti nuovi positivi quanto il loro consolidamento, così da far virare in modo irreversibile l’impresa dalla situazione negativa alla fuoriuscita definitiva dal cono d’ombra della mafiosità.


Related Articles

Rimborsabilità spese di viaggio

Nella Delibera n. 183 del 9 novembre 2017 della Corte dei conti Molise, un Comune intende conferire un incarico ad

Anac: le parrocchie devono rispettare il Codice degli appalti come qualsiasi Ente pubblico

L’Anac, con un Parere del 10 gennaio 2022 è intervenuta in merito al restauro di edifici ecclesiastici con finanziamenti pubblici.

Pil: le stime Istat indicano per il 2021 un rialzo del 6,5%, e per il 2022 l’obiettivo del Governo è superare il 4% di crescita

Le stime dell’Istat confermano che nel 2021 il Pil è cresciuto del 6,5%, recuperando gran parte della caduta registrata nel

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.