La Scuola può vietare il “panino da casa” ?

La Scuola può vietare il “panino da casa” ?

Il Consiglio di Stato con la recente Sentenza n. 2851 dell’8 aprile 2021 ha affermato che non può essere esclusa la possibilità del “panino da casa” con la generica motivazione della mancanza di personale in esubero per la sorveglianza e all’assenza di luoghi mensa ulteriori rispetto a quelli normalmente utilizzati.

Tale motivazione non è adeguata, in quanto non considera la possibilità che la vigilanza venga svolta con il personale in servizio e che il pasto domestico possa essere consumato negli stessi luoghi della mensa, in quanto l’autorefezione non comporta – di necessità – una modalità solitaria di consumazione del pasto,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Trasparenza”: lo stato dell’arte degli obblighi inerenti l’attuazione dell’art. 14 del Dlgs. n. 33/13

Come ben si ricorderà, dopo le 2 “Linee-guida” pubblicate dall’Anac a fine 2016 (Deliberazioni nn. 1309 e 1310, rispettivamente, sulle

“Trasporto scolastico”: come registrare ai fini Iva le fatture per sanificazione mezzi e accompagnamento e sorveglianza alunni?

Il testo del quesito: “A seguito dei nuovi adempimenti conseguenti l’adozione di misure di contenimento per l’emergenza epidemiologica in corso

Imposta di soggiorno: ridefiniti i codici-tributo per il versamento mediante Modello “F24”

Con Risoluzione n. 64/E dell’Agenzia delle Entrate del 30 maggio 2017, vengono ridenominati i codici-tributo istituiti per il versamento dell’Imposta

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.