La Sentenza della Corte di Giustizia Ue sul trasferimento dei dati personali al di fuori del territorio europeo

La Sentenza della Corte di Giustizia Ue sul trasferimento dei dati personali al di fuori del territorio europeo

Il trasferimento dei dati verso un Paese terzo può avvenire, in linea di principio, solo se il Paese terzo considerato garantisce a tali dati un adeguato livello di protezione.

In merito alla denuncia all’autorità irlandese di controllo da parte di un cittadino austriaco per far vietare i trasferimenti dei propri dati sulla piattaforma Facebook dall’Irlanda agli Stati Uniti, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha dichiarato invalida la decisione 2016/1250 della Commissione sull’adeguatezza della protezione offerta dal regime dello scudo Ue-Usa per la privacy.

Ha giudicato, invece, valida la decisione 2010/87 relativa alle clausole contrattuali tipo per il trasferimento di dati personali a incaricati del trattamento stabiliti in Paesi terzi.

Di seguito, si riporta l’estratto del Comunicato stampa n. 91/20 della Corte di giustizia dell’Unione europea[1].

Relativamente agli obblighi che incombono alle autorità di controllo nel contesto di un trasferimento siffatto, la Corte dichiara che, salvo che esista una decisione di adeguatezza validamente adottata dalla Commissione, tali autorità sono segnatamente tenute a sospendere o vietare un trasferimento di dati personali verso un Paese terzo quando ritengano, alla luce delle circostanze proprie di tale trasferimento, che le clausole tipo di protezione dei dati non siano o non possano essere rispettate in tale Paese e che la protezione dei dati trasferiti, richiesta dal diritto dell’Unione, non possa essere garantita con altri mezzi, ove l’esportatore stabilito nell’Unione non abbia esso stesso sospeso tale trasferimento o messo fine a quest’ultimo […]. Quanto al requisito della tutela giurisdizionale, la Corte ritiene che, contrariamente a quanto considerato dalla Commissione nella decisione 2016/1250, il meccanismo di mediazione previsto da tale decisione non fornisce a tali persone un mezzo di ricorso dinanzi ad un organo che offra garanzie sostanzialmente equivalenti a quelle richieste nel diritto dell’Unione, tali da assicurare tanto l’indipendenza del Mediatore previsto da tale meccanismo quanto l’esistenza di norme che consentano al suddetto Mediatore di adottare decisioni vincolanti nei confronti dei servizi di intelligence statunitensi. Per tutte queste ragioni la Corte dichiara invalida la decisione 2016/1250”.


[1] Per leggere la sentenza integrale, è possibile consultare il sito della Corte di Giustizia dell’Unione Europea.


Related Articles

Avviso di accertamento: illegittimo se sottoscritto prima della scadenza ex art. 12 della Legge n. 212/00

  Nella Sentenza n. 11088 del 28 maggio 2015 della Corte di Cassazione ai fini del rispetto del termine di

Piani razionalizzazione spesa: i risparmi possono essere destinati a Contrattazione integrativa solo se usati per incrementare produttività

Nella Delibera n. 2 del della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede un parere sulla possibilità di integrare le

Contributi consortili: onere della prova al contribuente secondo il Tar Toscana

Nella Sentenza n. 734 del 6 maggio 2019 della Ctr Toscana, i Giudici affermano che, in tema di contributi consortili,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.