La versione finale delle Linee Guida Edpb sull’art. 23 Gdpr costituiscono un monito per legislatore e Titolari del trattamento

La versione finale delle Linee Guida Edpb sull’art. 23 Gdpr costituiscono un monito per legislatore e Titolari del trattamento

Sommario: 1. Introduzione; 2. La disciplina delle limitazioni per ragioni di pubblico interesse; 3. Il test di necessità e proporzionalità; 4. L’accountability nelle limitazioni; 5. Conclusioni

Introduzione

Col proprio comunicato del 19 ottobre 2021, lo European Data Protection Board (EDPB, ossia il Comitato Europeo per la Protezione dei Dati) ha annunciato l’adozione della versione finale delle Linee Guida sull’art. 23 del Gdpr, n. 10/2020[1].

Si tratta di un passaggio importante in un’Europa in costante evoluzione, perché l’atto riguarda le limitazioni ai diritti fondamentali e ai diritti del soggetto interessato nel trattamento di dati personali per finalità pubbliche

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Aziende speciali affidatarie dirette di “servizi pubblici locali”: gratuità della partecipazione a Organi amministrativi e decurtazione compensi

Finalmente una buona notizia per gli Amministratori di Aziende pubbliche, in particolare delle Aziende speciali che hanno ora trovato conforto

Accantonamento quote di bilancio in correlazione ai risultati negativi degli Organismi partecipati

Nella Delibera n. 119 del 5 giugno 2019 della Corte dei conti Sicilia, un Comune chiede un parere in ordine

Iva: detraibile l’Imposta su investimenti afferenti immobili ad accesso gratuito, se strumentali ad attività commerciali svolte all’interno

Corte di Giustizia Ue – Sentenza 22 ottobre 2015, Causa C-126/14 E’ detraibile l’Iva sulle spese per investimenti afferenti immobili

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.