Perché il Garante ha bocciato i “pass vaccinali” e quali sono le conseguenze

Perché il Garante ha bocciato i “pass vaccinali” e quali sono le conseguenze

Mentre tutti vorrebbero tornare alla vita normale, il Garante sembra essere l’unico a remare in senso opposto[1]. Ma, in realtà, lo fa per tutelare i diritti e le libertà fondamentali di tutti i cittadini. Infatti, i “pass vaccinali” introdotti dall’art. 9 del Dl. 52/2021 (cd. Decreto Riaperture) sono un condensato di violazioni della normativa privacy. Purtroppo, però, sono anche quelli che consentirebbero alle persone vaccinate, guarite (nell’arco di sei mesi) o negative (entro 48 ore) di partecipare a fiere, convegni, concerti, eccetera, ossia di tornare alla normalità. Per fortuna, le cose possono ancora cambiare in sede di conversione

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Province: ricollocazione del personale in soprannumero e mobilità volontaria

Nella Delibera n. 249 del 20 luglio 2015 della Corte dei conti Lombardia, la Sezione risponde ad alcuni quesiti formulati

Iva: i Professionisti che vincono concorsi pubblici possono chiudere la Partita Iva dopo aver riscosso tutti i crediti o anticipato le fatturazioni

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 20 del 29 novembre 2019, ha fornito chiarimenti in ordine

Il ridimensionamento della mobilità nella “Legge Concretezza”

La Legge 19 giugno 2019, n. 56 (cd. “Legge Concretezza”) ha apportato importanti modifiche all’istituto della “mobilità”. Come è noto,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.