Periodo di prova: obbligo di conservazione del posto presso l’Ente di provenienza

Periodo di prova: obbligo di conservazione del posto presso l’Ente di provenienza

Testo del quesito:

Un dipendente di Categoria ‘B1’ assunto presso l’Ente da oltre 3 mesi (ha quindi già superato il periodo di prova), è stato chiamato da un altro Ente in quanto idoneo in una graduatoria di Categoria ‘C1’ dell’Ente stesso per un’assunzione a tempo indeterminato, e ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni. In base all’art. 20 comma 10 del Ccnl. ‘Funzioni locali’, l’Ente di provenienza è tenuto a conservare il posto finché il dipendente non avrà concluso il periodo di prova presso il nuovo Ente ?”.

La risposta dei ns. esperti.

Relativamente al quesito formulato, si ritiene che, nella fattispecie, il dipendente conservi il diritto alla conservazione del posto per tutto il periodo di prova.

La disposizione richiamata di cui all’art. 20, comma 10, del Ccnl. “Funzioni locali”, si pone in continuità con la precedente previsione dell’art. 14-bis, comma 9, del Ccnl. 6 luglio 1995.

In proposito l’Aran, con riferimento alla citata disciplina previgente, con Orientamento Ral_1475, aveva già avuto modo di precisare che, in caso di applicazione dell’art. 14-bis, comma 9, del Ccnl. 6 luglio 1995, come modificato dall’art. 20 del Ccnl. 14 settembre 2000: “il rapporto con la precedente Amministrazione si estingue e qualora il dipendente, non avendo superato il periodo di prova, chiede di rientrare nel profilo e qualifica di provenienza si deve aprire un nuovo rapporto”.Trattasi, in sostanza, di una sorta di riammissione in servizio che ha la particolarità di essere obbligatoria e non discrezionale. Di conseguenza, il posto precedentemente ricoperto dal dipendente deve essere considerato vacante ma non disponibile per tutto il periodo nel quale è prevista la sua conservazione.

di Alessio Tavanti


Related Articles

Riscossione: emanate le modalità procedurali per l’affidamento delle notifiche da e verso Stati membri Ue

È stato pubblicato nella G.U. n. 252 del 29 ottobre 2014 un Decreto Mef, recante “Modalità procedurali per l’affidamento all’Agente

Iva: aliquota del 10% sulle opere destinate alla bonifica ambientale realizzate nell’ambito di un Progetto approvato dalla Regione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 399 del 10 giugno 2021, ha fornito chiarimenti in ordine

Comuni terremotati: l’Inps ricorda i tempi di sospensione degli adempimenti, dei contributi e dei premi

L’Inps, con il Messaggio n. 5196 del 29 dicembre 2017, integrativo del Messaggio n. 4080 del 19 ottobre 2017 –

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.